Reggio Calabria, cosa vedere nella città della Magna Grecia

Cosa vedere e cosa fare a Reggio Calabria tra cultura, storia, arte e relax.

La città di Reggio Calabria è una delle più famose al mondo, e ricca di bellezze da scoprire, ma cosa vedere? Abbiamo selezionato alcuni dei luoghi più interessanti da non perdere.

Reggio Calabria: cosa vedere

Reggio Calabria accoglie alcune meraviglie molto importanti, alcune famose in tutto il mondo.

Partendo proprio dai Bronzi di Riace e dagli altri tesori conservati nel Museo Archeologico Nazionale, Reggio Calabria ospita anche lo splendido Teatro Cilea.

La bellezza delle città del sud sta anche nella possibilità di godere del clima mite e dello splendido paesaggio in ogni periodo dell’anno. Sempre qui, inoltre, si trova il cosiddetto chilometro più bello d’Italia: il Lungomare Falcomatà.

Ma vediamo quali sono alcuni dei luoghi da visitare in questa splendida città calabrese.

Advertisements

Reggio Calabria

Museo Archeologico Nazionale

Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria è in Italia e nel mondo uno dei musei più rappresentativi della Magna Grecia in Calabria. Questo illustra tutta la storia​ del​ Paese dal Neolitico al periodo Romano.

Nato nel 1954, raccoglie le collezioni civiche e statali degli scavi condotti dall’archeologo trentino Paolo Orsi e dalla Soprintendenza della Regione Calabria. Nel 2009 il museo è stato riqualificato e oggi conta 200 vetrine e quattro livelli.

Questo museo è famoso in particolar modo per ospitare i ben noti Bronzi, ritrovati nel 1972, nei fondali marini di Riace, da cui il nome Bronzi di Riace. Il livello B del primo piano documenta, invece, le città e i santuari della Magna Grecia: da non perdere una stele con incisioni del VI secolo a.C.

Il livello C, infine, analizza le necropoli e la vita quotidiana della Magna Grecia, con i reperti del teatro ellenistico di Locri e una delle più vaste collezioni di specchi di bronzo, corredo funerario delle donne del VI secolo a.C.

Duomo di Reggio Calabria

La cattedrale che si ammira oggi è stata inaugurata nel 1928. Realizzata in stile neo romanico, è un imponente edificio lungo 94 metri, con tre navate e gli interni illuminati da grandi vetrate policrome.

Tra le opere da non perdere merita una visita il pergamo, in marmo, il crocifisso di legno del XVIII secolo, e il battistero di bronzo argentato. L’altare barocco ha quattro grandi colonne di marmo nero con venature gialle.

Il pianterreno del palazzo vescovile accanto alla cattedrale ospita il museo diocesano. All’interno sono custodite molte opere d’arte, tra cui il tesoro delle cattedrali e i reliquiari. Creato nel 1957, oggi ospita tra gli altri tesi un bastone pastorale d’argento e smalto del XV secolo, e oggetti sacri in oro come il calice e la pisside d’oro, donati da Papa Pio XI, e un ostensorio in oro del pittore e scultore della scuola napoletana Francesco Jerace.

Chiesa degli Ottimati

La chiesa degli Ottimati si trova nel centro storico di Reggio Calabria, di fronte al castello aragonese. Spicca per la sua cupola rossa, in stile Normanno-Bizantino, ed è l’emblema della dominazione spagnola di Reggio Calabria.

La chiesa risale al 955 d.C., ma si ritiene che la cripta fosse lì già dal VI secolo. La chiesa è aperta tutti i giorni dalle 8.15 alle 11 e dalle 17.30 alle 20.15. In luglio e in agosto dalle 8.30 alle 10 e dalle 18.30 alle 21.15.
L’ingresso è gratuito.

Teatro Cilea

Il teatro comunale di Reggio Calabria è intitolato a Francesco Cilea, il musicista originario di Palmi, in provincia di Reggio Calabria. Questo gioiello in stile neoclassico è da poco stato restituito alla città dopo 20 anni di lavori e oggi è il centro artistico e culturale della regione.

Con i suoi 1500 posti, è il più grande della Calabria e all’interno la vasta sala a ferro di cavallo riprende gli interni dei teatri dell’800 italiano. Inaugurato nella sua prima versione nel 1931, Cilea era una delle strutture più belle e funzionali d’Italia e nel 1964 ha ospitato il Trovatore di Giuseppe verdi.

Al primo piano, l’edificio ospita la pinacoteca civica, con opere preziose come i dipinti di Renato Guttuso e le tavolette di Antonello da Messina. Vi è poi una sezione dedicata a sculture classiche e busti di marmo e molte opere provenienti dal museo nazionale della Magna Grecia.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Monticelli Terme di Montechiarugolo: la guida ai luoghi

Tempio di Wat Phra Dhammakaya: dove si trova

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.