Bologna, cosa vedere in due giorni nella città delle torri

Bologna, tra un tortellino e un buon bicchiere di vino, il weekend sarà grandioso.

Bologna è una città per lo più popolata da studenti essendo una città universitaria e perciò da ragazzi che cercano di divertirsi, ma anche di studiare ed è perfetta essendo stata eletta “capitale europea della cultura” e “capitale della musica” dall’UNESCO.

Scopriamo quindi a Bologna cosa vedere in due giorni.

Bologna cosa vedere in due giorni

Bologna è un posto pieno di zone da scoprire per chi non ci abita o non conosce, non avendola mai visitata, già appena scesi dal treno avanti alla stazione si trova il Mercato della Piazzola, un posto allestito da più di 400 bancherelle ed è uno svago incredibile per chi ama lo shopping.

Poi, per i più studiosi, troviamo l’Archioginnasio, vicino alla Basilicata di San Petronio, la biblioteca su larga scala più grande d’Italia; per gli studenti di medicina vi si trova vicino il teatro anatomico, ha una forma ad anfiteatro, ed è dedicato tutto all’anatomia, costruito da Antonio Levanti nel 163.

Advertisements

Nell’Arcinnasio si potranno visionare molti eventi di tipo culturale. All’ora di pranzo bisogna fermarsi nell’Osteria dell’Orsa, in via Mentana 1, qui si potrà mangiare a prezzi ottimi in ogni momento della giornata sia pranzo che cena. C’è inoltre l’Antica Salsamenteria Tamburini dove oltretutto si possono acquistare prodotti tipici da mangiare comodamente a casa propria.

Come prodotti tipici abbiamo: i tortellini (ricotta spinaci, bietole, patate, selvaggina, zucca), cappelletti (o tortellini in brodo), lasagne alla bolognese, ragù alla bolognese (solitamente con le tagliatelle o i tortellini), le crescentine (cioè gnocchi fritti) e la mortadella.

Dopo pranzo vi consiglio di camminare verso le due torri di Bologna, la Torre degli Asinelli e la Garisenda. Si contavano circa 180 torri medievali a Bologna (oggi ne restano 23) ma, queste due sono senz’altro le più famose e più alte.

Si può addirittura salire alla Torre degli Asinelli, per soli 3 euro potete arrivare a quota 97 metri di altezza e ammirare l’intera città, meta fantastica per uno dei vostri tanti selfie di viaggio).

Metà irrinunciabile del vostro viaggio è la vecchia casa del grande Lucio Dalla, dove potrete notare su una parete esterna della casa la sua ombra creata da lui stesso per rendere omaggio alla sua figura.

Bologna è una delle migliori città da visitare se non si ha un vero e proprio piano in testa, e perciò i giorni migliori per andarci sono proprio nel week end. Dopo un accomodante dormita nella vostra camera, sarà ottimo far colazione alla Bottega Portici in via dell’Indipendenza 69.

Vicino la via dell’Indipendenza, non dovreste perdervi una veduta della cattedrale metropolitana di San Pietro.

E bene dopo aver letto sicuramente avrete sicuramente voglia di esplorare la provincia bolognese e le relative attrazioni, perciò accorrete è una delle mete più ambite.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cammino di Santa Barbara in Sardegna: quali sono le tappe

Escursioni Etna con bambini: come organizzare la gita

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media