Notizie.it logo

Dallas, cosa vedere nella popolosa città texana

dallas cosa vedere

Dallas, cosa vedere nel "centro commerciale a cielo aperto"?

Tra le città americane più interessanti da visitare vi è sicuramente Dallas, terza città per grandezza del Texas, dove atmosfera da cowboy, cultura e modernità convivono in maniera armonica e naturale. La città è una realtà capace di guardare costantemente al futuro, senza però dimenticare il proprio importante passato. Scopriamo a Dallas cosa vedere.

Dallas cosa vedere?

Uno dei luoghi simbolo di Dallas è senza ombra di dubbio l’Irving Art Center: si tratta di un edificio dove vi sono qualcosa come 8500 mq di esposizioni aventi ad oggetto le arti visive e in cui hanno luogo anche performance di tipo artistico molto interessanti. Per capire la sua importanza, basti pensare al fatto che vi trovano spazio 4 gallerie d’arte, oltre che un teatro, il Dupree Theater.

La scoperta della città potrebbe proseguire con il Dallas World Aquarium: nel suo genere è uno dei luoghi più importanti del mondo. Visitare questo acquario è una esperienza unica al mondo e non solo per la presenza degli squali in una delle vasche più grandi del complesso.

Dallas è da alcuni considerata come una sorta di gigantesco centro commerciale a cielo aperto: questo dipende essenzialmente dal fatto che ha il maggior numero di negozi pro capite di tutti gli Stati Uniti.

Il simbolo di Dallas da questo punto di vista è il West Village, ubicato nel quartiere Uptown. Questo centro commerciale ha aperto i battenti nel 2001.

Sempre parlando di commercio, per chi volesse venire a contatto con uno dei luoghi simbolo della città texana, il consiglio è quello di recarsi al Mercato Contadino di Dallas: la sua apertura risale all’inizio del 1900 ed è uno dei simboli cittadini più importanti ed amati da chi vive in questa realtà texana.

Musei, palazzi e giardini di Dallas

Tra le altre cose da vedere a Dallas, spiccano senza dubbio il Fair Park: la sua edificazione fu motivata dalla Esposizione per festeggiare i 100 anni dalla fondazione del Texas e ad oggi la sua caratteristica peculiare è di essere l’unico luogo ancora oggi visibile tra quelli nati per fare a location ad una fiera internazionale.

Qui si possono ammirare tutta una serie di costruzioni che sono un bell’esempio di Art Decò e vi sono anche alcuni interessanti poli museali.

E a proposito di musei, non si può non citare il Museo di Scienze Naturali Perot. Questo museo è uno dei più grandi tra quelli presenti sul territorio americano, nonchè uno dei più moderni in assoluto.

Un altro simbolo di Dallas, che bisogna assolutamente inserire in un ipotetico itinerario alla scoperta della città è la Reunion Tower Geo-Deck: si compone di 50 piani e la sua originalità sta anche in una cupola sferica in continuo movimento, che consente ai visitatori di godere di un panorama davvero affascinante. Inoltre, il punto più alto di questa torre si caratterizza per la presenza di alcune telecamere ad altissima definizione che consentono di avere una vista davvero suggestiva della città.

Tornando a parlare dei musei che rendono Dallas una delle città più interessanti degli Stati Uniti da un punto di vista culturale, vi è il Museo The Sixth Floor. Questo museo è ubicato al Dealey Plaza e consente a chiunque lo volesse di scoprire molto su uno degli eventi più tragici della storia recente degli Stati Uniti d’America, ovvero l’omicidio di JFK.

Molto interessante è anche un altro museo, ovvero l’Old Red del County History & Culture.

Perchè questo polo museale è così importante ed interessante? Perchè racconta in modo dettagliato e originale molti eventi che sono avvenuti nella contea che oggi ospita Dallas.

Infine, prima di salutare questa splendida città, vale la pena dedicare il tempo restante alla scoperta dei Giardini Botanici, che sono un altro dei fiori all’occhiello di Dallas. Conosciuti anche con il nome di Arboreto, sono senza dubbio uno dei luoghi più belli dove poter trascorrere qualche ora di sano relax in mezzo alla natura, con la possibilità di visitare qualcosa come 19 giardini, uno più bello dell’altro.

© Riproduzione riservata
Leggi anche