Percorso a piedi per Cala Coticcio: come arrivare

Percorso a piedi per Cala Coticcio: l'itinerario per raggiungere la spiaggia.

Scopri qual è il percorso a piedi per raggiungere Cala Coticcio, nell’isola della Maddalena. Cala Coticcio è una delle calette rocciose più belle e della Sardegna, e si trova nell’isola della Maddalena, nella parte nord-orientale di Caprera. Conosciuta anche come la Thaiti della Sardegna, questa spiaggia è famosa per la bellezza del suo paesaggio e per lo splendido mare.

Percorso a piedi per Cala Coticcio

Vi sono posti, in Sardegna, rimasti ancora incontaminati e dove la mano dell’uomo sembra non essersi mai depositata.

Uno di questi è Caprera, l’isola dell’Arcipelago della Maddalena, famosa per essere stata la residenza di Garibaldi nei suoi ultimi anni di vita e oggi parte del parco naturale protetto della Maddalena.

Tra i luoghi più popolari per gli amanti dello sport è la Cala Coticcio. La spiaggia, infatti, è raggiungibile soltanto via mare o attraverso un sentiero di trekking attraverso le rocce.

Non è un percorso semplice, ma tutta la fatica sarà ripagata con una delle viste più belle della regione.

coticcio

Come arrivare

Il percorso per giungere fino alla spiaggia può richiedere dai 40 minuti ai 60, in base al ritmo e alla prestazione fisica.

Innanzitutto, è necessario giungere sull’isola della Maddalena, con i traghetti in partenza da Palau.

Da qui, poi, potrete raggiungere l’isola di Caprera attraversando il Ponte della Moneta. Una volta superato il ponte, continuate verso il monte Tejalone, la vetta più alta dell’arcipelago, circa 212 metri di altezza.

Il sentiero è segnalato e vi porterà fino a due cale. La prima, quella in cui finisce il sentiero, è la più grande e prende il nome di Cala Bianca.

La sabbia qui è rosa ed il mare verde smeraldo.

Una volta superata questa cala, proseguite per altri cinque minuti di cammino a sinistra della spiaggia, fino ad arrivare alla Cala Coticcio. Questo è il punto più complicato del percorso. C’è, infatti, un piccolo dirupo con dei gradoni formati da grosse rocce da discendere.

I punti di appoggio sono numerosi ma alcuni massi sono lievemente scivolosi e irregolari. È consigliato procedere con prudenza, senza fretta e mantenere un’adeguata distanza di sicurezza dalle persone che con voi si stanno avventurando in questo trekking.

Consigli

Per il percorso, è necessario indossare scarpe da ginnastica comode e, possibilmente, pantaloni lunghi.

La strada non è semplice da percorrere, quindi andate con calma e, soprattutto nei periodi più caldi, munitevi di una bottiglietta d’acqua, cappellino e crema solare. Il sentiero è di circa due chilometri, ed è segnalato piuttosto bene. Purtroppo, però, in alcuni punti del tragitto non c’è campo.

All’inizio del percorso c’è un parcheggio in cui poter lasciare la macchina, e le frecce vi indicheranno l’inizio del percorso.

Scritto da Ilenia Albanese

Scrivi un commento

1000

Cattedrale di San Sabino a Canosa di Puglia: bellezza e storia

Hanau, Germania: cosa vedere, luoghi più importanti

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • zanzibarZanzibar: scopri tutto su questa magnifica destinazione

    Zanzibar è meta di turisti, attratti anche da tantissimi animali e da pesci e delfini.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.