Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Notizie.it logo

Vienna, la capitale imperiale. 2 ° giorno

Risvegliarmi dopo il mio primo giorno di pausa e vedere davanti a me la maestosa Cattedrale di Vienna mi fa sentire davvero bene. Sono le 8 del mattino e devo prepararmi per sfruttare al meglio la giornata. Una doccia veloce e la colazione. Quanto tempo dura la colazione in Austria! In questo hotel ancor di più dove si respira pace e tranquillità con l’immagine della piazza e la Cattedrale di San Esteban.

Una colazione con vista.

Devo confessare che la colazione è ricca e varia, senza essere sfarzosa. Il servizio è efficiente e gentile, come quasi tutto qui a Vienna. La sala colazioni è decorata con sculture e oggetti d’arte moderna ed ha un sacco di libri d’arte che gli ospiti possono consultare. Un altro ottimo servizio di questo bellissimo albergo.
Mentre gustiamo la colazione facciamo la pianificazione della giornata. Ci costa molto decidere dato che c’è molto da vedere in questa città e vorremmo vedere le cose più interessanti, lasciando di lato altre che lo sono meno.

Per migliorare il mio umore siamo andati a visitare la piazza centrale in una giornata fredda ma spettacolare.Il freddo è pungente, ma sopportabile proprio del mese di febbraio.

Abbiamo deciso di visitare la Cattedrale di Santo Stefano. L’entrata è gratuita. Si paga solo per visitare le catacombe o salire in cima alle torrette.

Interno della Cattedrale.

La Chiesa si trova all’inizio della Kärntnerstraße e, dopo averla visitata abbiamo proseguito sulla Kärtnerstrasse, che è la strada più commerciale ed elegante di Vienna, e che conduce all’ Opera un magnifico edificio dove si possono vedere le opere più famose del mondo. Abbiamo prenotato la serata dalla Spagna e siamo andati direttamente alla cassa poichè avevamo gia pagato con Carta di Credito via Web ed abbiamo trovato i biglietti per la funzione del giorno: l’olandese Errante di Richard Wagner. Per 10 euro!

Prima di tornare all’Opera di Vienna o Staatsoper per vedere la rappresentazione, abbiamo fatto un altro giro a piedi per ammirare la città dato che abbiamo preferito non acquistare il biglietto valevole 72 ore ma che costa 18,50 euro.

Questo perchè qui è tutto relativamente vicino ed è meglio pagare 2-3 euro per i piccoli spostamenti. Infatti, a chi come me piace camminare, e non ha problemi , non vale la pena di fare questo grande abbonamento.
Ammiriamo il Museo Albertina solo da fuori poichè abbiamo deciso di andare al Belvedere per vedere Klimt e Schiele. qui si possono trovare, tra le altre, opere di artisti come Picasso, Monet, Renoir, Cezanne, Matisse e Miró.
Percorrendo l’anello (ring) a sinistra si arriva in Karlsplatz, una grande piazza in cui c’è molto da vedere. Dal bellissimo edificio della stazione che Otto Wagner costruì nel 1900 per le linee della metropolitana di Vienna, il Wien Museum Karlsplatz, mix di storia e arte, con alcune opere di Gustav Klimt, il pittore austriaco più famoso.

Karlsplatz a destra della diventa Naschmarkt, uno dei più carismatici e pittoreschi mercati di Vienna. Qui si può trovare di tutto.

C’è un’atmosfera spettacolare. E’ pieno di locali per fare shopping. persone del posto, curiosi, turisti….., i caffè pieni fino a traboccare e le bancarelle dove si può trovare cibo di ogni tipo, dalla frutta e verdura alle spezie passando per i dolci , la frutta secca, le olive e mille tipi di formaggi per finire in un mercato dei fiori.

Pittoresco mercato delle pulci.

Dopo aver bevuto un un caffè al mercato ci siamo diretti verso il Palazzo del Belvedere e della strada ci è sembrato impressionante la chiesa di San Carlo Borromeo o Karlskirche, del secolo 18 ° di stile barocco, che abbaglia con la sua verde ed enorme cupola e le due enormi torri che ricordano il tempio antico che fu costruito per ordine dell’imperatore Carlos SEGA per affrontare un’epidemia di peste che devastò la città nel 1713.

L’entrata costa 6 euro ed inoltre, per gli amanti dell’arte sacra, qui c’è il Museo Borromeo con preziosi pezzi barocchi che ornavano originareamente un altro tempo ed un’altra Chiesa.

Karlsckirche.
Arrivati dopo un giro per il Palazzo del Belvedere.Un palazzo complesso che ospita uno dei musei più importanti d’arte dell’Austria, abbiamo deciso di vedere “solo” la collezione permanente.

Situata nel Belvedere alto , per raggiungerlo bisogna attraversare alcuni giardini enormi e preziosi di stile barocco che ricordano quelli della Reggia di Versailles. Inoltre oltre ad ammirare il sontuoso palazzo, si possono trovare molte opere di Klimt, tra le quali il suo famoso lavoro “il bacio”, di Schiele, Monet e Renoir.
Abbiamo noleggiato un’audioguida per 4 euro quindii abbiamo sentito i commenti sulle opere più importanti.

Palazzo del Belvedere il bacio di Klimt. (Immagine tratta dal Web)

Dopo aver camminato tanto e visitato il Belvedere alto ci è venuta fame. cosi abbiamo preso un tram per il centro e siamo andati a mangiare nei pressi della Cattedrale. Il ristorante Filgmuller è rinomato. Fu inaugurato nel 1905. Qui abbiamo potuto mangiare delle wienerschnitzel giganti e gustose. Che diavolo è questa carne? Essa è fondamentalmente carne di maiale impanata di solito accompagnata da una squisita insalata tipica o della salsa di patate e crescione. Il tutto annaffiato con birra o vino giovane della casa.

La foto attesta come dovrebbe venire fuori il piatto.

Vi consiglio di ordinare per una o due persone, perché è veramente grande!.

Filgmuller Wienerschnitzel.

Con lo stomaco pieno e avevamo un altro umore. Siamo andati a fare una piccola pausa per pulirci e cambiarci in modo adeguato per andare alle 19:30 all’Opera Nazionale di Vienna. Prima però un’altra passeggiata per le strade pedonali per tornare in Hotel con una fermata per prendere una tazza di caffè e la famosa Sacher Torte al caffè dell’Opera. Per i più golosi raccontiamo che è stata inventata da Franz Sacher apprendista di cucina nel 1832 e che ebbe subito un enorme successo. In pratica è una torta di cioccolato e marmellata di albicocca, coperta da uno strato di cioccolato nero.

Anche se stiamo prendendo lòa famosa torta Sacher con un caffè Viennese in mezzo a molte persone, nessuno se ne accorge. Tutto è ben organizzato e la nostra presenza resta inosservata. C’e’ un’atmosfera particolare e spettacolare intorno. Tutti aspettano l’inizio dell’opera.

L’Opera nazionale “Casa vicino all’anello” aprì i battenti nel 1869 ed qui hanno cantato i più grandi cantanti d’opera del mondo. L’edificio è elegante all’esterno e abbagliante all’interno e ci sentiamo davvero fortunati ad essere qui.

Aspettando ci siamo dedicati a scattare qualche foto ed a vedere l’imponente palazzo dall’interno e all’ora pianificata ci siamo seduti ai nostri posti.

Display con sottotitoli in inglese, necessario perché l’opera è in tedesco: l’olandese errante, di Richard Wagner. dura 2 ore e 15 minuti di emozionante e tremenda opera. Ci è piaciuta tanto e usciti di lì eravamo stupiti e feliceidi avere visto la nostra prima opera in un luogo così famoso. Per 10 euro non potevamo chiedere di più.

Interno del Teatro dell’Opera.
Dopo l’opera abbiamo deciso di andare nuovamente verso il triangolo delle Bermuda. Una zona piena di bar e birrerie, per fine nel migliore dei modi questa intensa giornata. Abbiamo ascoltato anche un po’ di un grande concerto jazz in Jazzland Records, un affascinante e tranquillo Club con musica dal vivo, altamente raccomandato se vi piace questo tipo di musica.

Jazz dal vivo. Molto apprezzato.
E anche chi può dire cosa è successo appartiene ai misteri della notte…
Punti di interesse – Cattedrale di Santo Stefano. Stephansplatz, 3. Dal lunedì al sabato: dalle 6 alle 22. Domenica e festivi: dalle 07:00 alle 22.
Entrata libera o visita guidata da 4,50 euro. potete vedere le sue catacombe (4,50 euro) o salire nella torre Sud per soli tre euro e 50.

-Ore: Museo Albertina. martedi e giovedi dalle 10:00 alle 19:00. Mercoledì: dalle 10:00 alle 21:oo. si raggiunge con la U-Bahn 3 per 9,50 euro.

-Wien Museum Karlsplatz: da martedì a domenica: dalle 10:00 alle 18:00. Lunedì: chiuso. Biglietto 6 euro. Metropolitana: Karlsplatz, linee U1 e U2.

-Mercato di Naschmarkt. Wienzeile. Orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 6 alle 18:30. Sabato dalle 6 alle 17. Metro U4.

-Karlsckirche. 6 euro dal lunedì al sabato: dalle 09:00 alle 12:30 e dalle 13:00 alkle 18:00. Domenica e festivi: dalle 12:00 alle 17:45. Metropolitana: Karlsplatz, linee U1 e U2 – Belvedere Museum. Collezione permanente. 9,50 euro. Per vedere anche il Belvedere basso, con mostre temporanee, serra e stalle. 14 euro.Schema: tutti i giorni dalle 10:00 a 18:00. Ci sono audio-guide in spagnolo per 4 euro.

-Figlmuller. Nei pressi della Cattedrale. 13 euro e90 il wienerschitzel , insalata di patate 3,80. Wollzeile 5 e Bäckerstrasse 6. Aperto ogni giorno dalle 12 alle 23.

-Opera nazionale di Vienna. ingresso 10 euro acquistato da internet con parziale vista sul palco. Inoltre è possibile casmbiare i biglietti presso la biglietteria per 3 euro per vedere la funzione in pieie.

-Jazzland, jazz dal vivo. 29 Franz Josefs-Kai.
Altre foto sulla mia pagina di Facebook. Ti faccio fan!

© Riproduzione riservata
Leggi anche