Notizie.it logo

Agrigento cosa vedere in 2 giorni, un mini tour

agrigento cosa vedere in 2 giorni

Agrigento, due giorni tra arte, storia e buon cibo.

Agrigento è una delle città siciliane più gettonate per le vacanze estive e non solo: essa infatti è perfetta perchè si può visitare in pochissimo tempo. Agrigento è una città meravigliosa con all’interno tantissime architetture Patrimonio dell’Unesco. Camminare nelle sue strade ci porta in un inesorabile viaggio nella storia passata del nostro Paese e del mondo. Si consigliano poi i mesi di giugno o di settembre, dove le temperature sono meno calde. Ecco cosa vedere in 2 giorni.

Agrigento cosa vedere in 2 giorni

Se ci si accinge a intraprendere un mini viaggio in questa città si consiglia di vedere i monumenti a scaglioni, in varie parti della giornata, così da godersele a pieno. In tal senso, si può di certo iniziare visitando la città è consigliato alle prime luci del mattino un tour nel ventre storico.

Si può percorrere infatti la Valle dei Templi e raggiungere in macchina La scala dei Turchi di Realmonte. Proprio visitando queste due ambientazioni archeologiche ogni turista può rimanere ammaliato nel rivivere tutta la storia Sicula in tutta la sua immane bellezza.

I percorsi sono infatti organizzati in modo più che esemplare e mostrano tutte le scoperte archeologiche fatte in questa terra nel corso del tempo facendo comprendere a pieno a chiunque li guardi tutte le congiunzioni greche che la regione Sicilia ha avuto nei secoli passati.

Al tempo stesso per ammirare a pieno la bellezza di quest’isola non si può non percorrere la scala dei Turchi: essa ci mostra un panorama emozionante che verrà tutta la fatica dei milioni di gradini da percorrere.

Questi due posti sono molto consigliati anche per i bambini, proprio perché fanno capire a pieno la bellezza e la storia di una città che è stata piena di popoli differenti e che è considerata oggi una delle pietre miliari della penisola Italiana.

La cultura locale

Per visitare e comprendere a pieno le usanze di una città è molto consigliato un giro mondano tra le vie della stessa.

Non c’è orario migliore delle ore mattutine, ricche di gente e cibo.

Il mercato di questa città sicula è il miglior posto per sperimentare e assaporare tutte le abitudini dei paesani. Si deve ricordare che il modo di accogliere che il siciliano ha nei confronti di un forestiero è sempre molto espansivo e cordiale.

Nella via del mercato quindi ogni turista si troverà certamente circondato di offerte di cibo e bevande che non potrà assolutamente rifiutare. Tutti gli esperti culinari nel mondo infatti pagherebbero oro per trovarsi in questo luogo così pieno di brio.

Si tratta proprio di una delle caratteristiche della regione. Si impara infatti molto qui del comportamento siculo. I bambini poi sono sempre ben accetti e accolti a gran voce a giocare.

Il centro storico di Agrigento è invece consigliato a chi vuole osservare da vicino le bellezze greche delle infrastrutture che essi ci hanno lasciato. Si vede che sono comunque state curate nel corso del tempo proprio per non farle decadere nel corso del tempo.

Riserve naturali e spiagge

All’interno di questo mini tour per capire cosa vedere in 2 giorni, è consigliato inserire un giorno intero nelle spiagge della Regione, vicino alla città.

Questo proprio per ammirarne le bellezze del mare limpido e dell’acqua cristallina tanto venerata del Sud Italia.

Cosa molto importante è la presenza di riserve naturali nelle spiagge: esse sono fondamentali per preservarne le meraviglie donate dal mare. Qui infatti si possono trovare coste dai colori mozzafiato e pesci mai visti sulle coste del mediterraneo.

Tutto ciò è dato dalla profondità del mare che proprio per questo motivo è in grado di accogliere molte specie di pesci dai variegati colori e grandezze.
Queste spiagge poi sono la delizia dei bambini che potranno godersele a pieno giocando e facendo castelli a non finire. Sarà un giorno completamente di relax che vi regalerà momenti e foto indimenticabili che ricorderete nel tempo e con estrema felicità.

© Riproduzione riservata
Leggi anche