Castello di Arco, Trento: storia e visita

Le informazioni sulla visita e l'interessante storia del castello di Arco, in provincia di Trento, un gioiello della regione.

Il castello di Arco è un gioiello storico della provincia di Trento, una rocca che si erge fiera alla sommità di un monte. La visita al maniero regala emozioni suggestive tra le rovine di quello che ha segnato il passato della cittadina.

Castello di Arco, Trento

Il Castello di Arco è un meraviglioso castello situato ad Arco, nel Trentino-Alto Adige. La struttura della rocca consiste in un sistema di corpi di fabbrica e fortificazioni che in totale copre una superficie di oltre 23.000 metri quadrati.

L’insieme abbraccia la sommità di un ripido scoglio roccioso posto in posizione dominante sopra la piana del Sarca. Il centro storico di Arco sorge alla base della formazione rocciosa, ai piedi del castello.

Advertisements

Le mura del castello un tempo costituivano un sistema difensivo con quelle del borgo sottostante, rendendo il paesaggio uniforme e dalla bellezza unica.

Castello Arco

Storia

Le prime notizie del castello risalgono attorno all’anno Mille, ma vi sono testimonianze di tribù che trovarono rifugio sul monte già nel 300 a.C..

La costruzione del castello da parte dei nobili liberi avvenne puramente per scopi difensivi, con mura fortificate e possenti. Non furono pochi, infatti, i tentativi di assedio al castello, ad opera dei signori di Seiano, dei Lodron e delle truppe della Serenissima Repubblica di Venezia. Tuttavia, grazie alle sue ottime difese, il castello resisteva ad ogni colpo.

Nonostante l’impareggiabile resistenza della rocca, il Settecento segna l’inizio del declino del castello.

Infatti, nell’agosto del 1703, durante il periodo della guerra di successione al trono di Spagna, l’armata francese capitanata dal generale Luigi Giuseppe di Borbone-Vendôme penetrò nella zona del Basso Sarca, strinse d’assedio Arco, conquistò la città e bombardò il castello. Iniziò così la rovina del castello che venne sfruttato come cava di pietra dagli abitanti del borgo sottostante per riparare le case danneggiate dai bombardamenti e costruirne di nuove.

Infine, nel 1982 il Comune di Arco acquistò il castello ed altri beni della Fondazione d’Arco in Mantova.

Arco castello

La visita

Visitare il castello è una delle esperienze da vivere durante un viaggio in Trentino-Alto Adige. Il castello è aperto alle visite dalle 10 alle 19 durante il periodo estivo, da aprile a settembre, e dalle 10 alle 16 nel periodo invernale, da novembre a febbraio. Invece, nei mesi di marzo e ottobre l’orario va dalle 10 alle 17.

Il biglietto per visitare la rocca costa 3,50 euro per gli adulti, 3 euro per gruppi di almeno 21 persone, e 2 euro per i ragazzi dai 12 ai 18 anni e over 60. Invece, l’ingresso è gratuito per i bambini con meno di 12 anni e residenti, oltre ai portatori di handicap e loro accompagnatori.

Il Castello è raggiungibile solo a piedi attraverso un percorso in salita di circa 15 minuti. Infatti, si consiglia un abbigliamento comodo e scarpe adatte per una passeggiata.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Visita all’isola del Tino, patrimonio dell’Umanità Unesco

Piazza Bra, Verona: storia e informazioni

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media