Castello di Torremuzza di Bronte: spettacolo suggestivo in Sicilia

Visita al castello di Torremuzza, vicino Bronte, in Sicilia, tra le rovine dell'antico maniero, un'esperienza incredibile nella storia del castello.

Un sito suggestivo che testimonia una storia importante è il Castello di Torremuzza, nelle vicinanze di Bronte. Un maniero affascinante che riporta le cicatrici e i segni dell’abbandono, ma che regala esperienze incredibili in uno dei luoghi più interessanti della Sicilia.

Castello di Torremuzza, Bronte

Il castello, detto di “Torremuzza”, deve il suo nome alla torre originaria, di probabile epoca bizantina o araba, spaccata in due da un fulmine, e quel che oggi resta, è una metà di essa. La rocca, risalente intorno al IX secolo, è uno dei tesori compresi tra Bronte e Troina, testimone di una storia lunga secoli.

Infatti, durante il periodo normanno-svevo-aragonese, attorno alla torre si costruì una prima cinta muraria, dotata di merlatura e caditoie.

In quell’epoca la torre faceva parte di una catena di torri e fortificazioni interne della Sicilia che servivano per la trasmissione delle notizie mediante segnalazioni ottiche o con fuochi. Il castello di Torremuzza fu una fortezza inaccessibile, ed era posizionato in un sito strategico accessibile da un solo lato. Infatti, i ripidi pendii lo proteggevano da tutti gli altri lati.

Le prime testimonianze dell’esistenza del castello risalgono al 1139.

Tuttavia, il luogo sembrerebbe frequentato fin da epoca remota. Pare, infatti, che siano stati rinvenuti in zona persino deposizioni funerarie e sarcofagi databili intorno al III sec. a.C..

Nel 1535 il casale di Cattaino, che si era formato attorno al castello, venne abbandonato da i suoi abitanti che per volere dell’imperatore Carlo V dovettero unirsi agli abitanti degli altri casali a formare un unico paese: Bronte. Durante il periodo Borbonico il castello di Torremuzza continuò ad essere in uso in qualità di carcere forse fino ai moti rivoluzionari legati all’unità d’Italia.

In seguito venne abbandonato.

Ad oggi, infatti, del castello restano solo pochi ruderi, anche se la struttura principale è ancora ben visibile.

Torremuzza

Come arrivare

Il castello è di difficile accesso, in quanto la macchina dovrebbe rimanere lungo la strada ss120 venendo da Randazzo o la sp165 venendo da Bronte. Da qui, infatti, bisogna proseguire a piedi per circa un’ora e mezza.

Tuttavia, per chi è in possesso di un fuoristrada può tentare di proseguire lungo le strade rurali e arrivare a qualche centinaio di metri dal castello.

Al momento il castello è chiuso per pericolo crolli, ma in genere la visita è gratuita e libera. Infatti, non vi è alcuna recinzione. Tuttavia è vivamente consigliato prestare grande attenzione durante la visita per il pericolo di crolli.

Torre

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Monte Passo del Lupo, Sicilia: tutte le informazioni

Parco di Maksimir a Zagabria, il più antico d’Europa

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • zermatt estate 2020Zermatt estate 2020: tutte le informazioni

    Tutte le informazioni che servono per visitare Zermatt durante l’estate 2020.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.