Chateau d’If visite virtuali: il tour virtuale al castello

Chateau d'If, visite virtuelle, la visita virtuale e la storia dello storico maniero sull'isola del Golfo di Marsiglia.

Visite virtuelle al Chateau d’If, il tour virtuale all’interno dello storico maniero che sorge sulla piccola isola dell’arcipelago delle Frioul, nel golfo di Marsiglia. Un castello secolare ricco di storia e di curiosità da scoprire.

Chateau d’If: visite virtuali

Il castello d’If è una fortificazione francese sorta tra il 1527 e il 1529 con la funzione di prigione, diventata celebre grazie al romanzo Il conte di Montecristo di Alexandre Dumas.

Un luogo pieno di bellezze e di curiosità che sorge in un luogo suggestivo e spettacolare, nell’arcipelago delle Frioul, nel golfo di Marsiglia.

Per raccontare la storia di questo splendido castello, è stato creato un nuovo modo di vivere la visita.

Tecnologia e cultura si uniscono per regalare un’esperienza travolgente al visitatore. Scopriamo, quindi, quali sono le modalità per visitare il castello e qual è la sua storia.

Castello

Per vivere un tour virtuale davvero interessante e interattivo, dal mese di giugno al Castello è possibile scoprire tutti i segreti e le curiosità attraverso un’app per Smartphone e tablet.

L’applicazione consente a grandi e piccini di scoprire il Castello d’If attraverso due percorsi diversi.

Con il percorso classico viene illustrata la storia e l’architettura del castello. Invece, con il secondo percorso, Prigione, si esplora il Castello d’If attraverso i famosi prigionieri che hanno trascorso momenti della loro vita tra queste mura e i graffiti che molti prigionieri hanno lasciato all’interno del castello. L’applicazione “Château d’If” è gratuita e disponibile su Apple Store e Google Play.

Si può scaricare gratuitamente prima dell’arrivo al castello o al momento della visita.

Storia

La costruzione del castello d’If iniziò nel lontano 1527 e i materiali utilizzati provengono dall’occupazione spagnola a Marsiglia nel settembre del 1527.

I primi prigionieri del castello d’If entrarono nel novembre del 1540 e furono due pescatori marsigliesi, mentre gli ultimi furono alcuni prigionieri della guerra civile avvenuta nel settembre 1914 in Alsazia e Lorena.

Il castello ricoprì un ruolo importante anche durante gli anni della Rivoluzione Francese. Infatti, furono 120 i prigionieri rinchiusi nel castello d’If. Successivamente, con il colpo di Stato del 2 dicembre 1851 da parte di Napoleone III, furono rinchiusi provvisoriamente 304 prigionieri in attesa di essere trasportati nella prigione di Maison-Carrée in Algeria o quella di Cayenne in Guyana.

Infine, il castello d’If si trasformò da una prigione a museo nel 1915 e un faro. Tuttora è una meta turistica, raggiungibile grazie ad un servizio di navette collegate al porto vecchio di Marsiglia.

MarsiGLIA

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’itinerario del tour tra i sette colli di Roma

Isole sperdute da visitare: le più belle

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.