Notizie.it logo

Cinque cose da sapere viaggio in Qatar

Cinque cose da sapere viaggio in Qatar

Il Qatar è uno dei luoghi più sicuri al mondo. Sia i visitatori che i residenti hanno l’opportunità di sperimentare la natura amichevole e ospitale della cultura araba. Come in qualsiasi altro posto, rispettare le tradizioni e le pratiche locali ti permette di godere della vera essenza del paese ospite, dandoti una idea migliore di viaggio.

1. Il visto:

I turisti con il visto possono entrare in 33 paesi. Il costo del visto per un mese è di QR100 a persona e una aggiunta di QR50 per la compagnia registrata sul visto. Il visto è disponibile sin dall’arrivo. Puoi anche fare domanda per il visto per il Qatar e l’Oman.

2. Abbigliamento:

Sia gli uomini che le donne si vestono in modo modesto dato che in Qatar vige la religione musulmana.

I costumi da bagno e l’abbigliamento da spiaggia sono accettabili nelle spiagge dell’hotel (non dimenticare la crema solare), ma non è appropriato mostrare la pelle nuda in pubblico o nelle aree pubbliche. I top dovrebbero coprire le braccia e le spalle, e le gonne dovrebbero essere al di sotto del ginocchio. Le donne non sono obbligate a coprire i loro capelli. I visitatori devono tenere a mente queste regole se visitano il paese durante il mese del Ramadan.

3. La lingua:

L’arabo è la lingua principale, ma l’inglese si parla in ogni parte del paese. Nonostante il fatto che molti abitanti del Qatar parlano bene l’inglese, sono onoranti se vedono che i turisti sanno qualche termine arabo.

4.

Il popolo:

Gli abitanti del Qatar sono il popolo più ricco, se non il secondo popolo più ricco al mondo. Il modo migliore per avere un senso del loro potere è cosa sono in grado di comprare.

5. La pronuncia della parola Qatar:

anche nel mondo arabo ci sono alcune variazioni al modo di pronunciare la parola Qatar e la maggior parte dei suoni non ha un equivalenti in inglese. Ku-TER, Ka-TAR, KA-tar, KA-tr, Catarrh sono termini accettabili.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
About Simona Bernini
Parigi è la mia casa. Amo leggere e sono una teinomane.
Leggi anche
Leggi anche