Curaçao, smart working sull’isola caraibica: visti speciali per lavoratori

Un luogo davvero speciale per lavorare in smart working è l'isola di Curaçao che offre visti speciali per i lavoratori.

La bellessima isola di Curaçao, al largo delle coste venezuelane, offre un’opportunità davvero speciale per i lavoratori in smart working. Un visto speciale che permette di lavorare in un paradiso tropicale tra splendide spiagge ed il mare cristallino.

Curaçao: il paradiso dello smart working

Se con lo smart working è possibile lavorare ovunque, perché non scegliere una meta paradisiaca con il mare cristallino e paesaggi mozzafiato?

Una nuova meta per gli smartworker, dopo le Isole Barbados e Madeira, è l’isola di Curaçao, a largo delle coste del Venezuela.

L’isola caraibica olandese ha infatti deciso di aprire le porte ai lavoratori e ospitarli con un nuovo visto speciale per lavoratori.

Una destinazione da sogno caratterizzata da soffici spiagge bianche, un mare trasparente e la splendida barriera corallina.

Advertisements

Il progetto si chiama @HomeinCuraçao e propone visti speciali di sei mesi rinnovabili per chi lavora da remoto.

Come funziona il visto

Tantissimi lavoratori non si lasceranno sfuggire questa magnifica opportunità di lavorare in un vero paradiso tropicale, perciò cerchiamo di capire meglio come funziona il visto.

Per ottenerlo è necessario candidarsi dimostrando di poter lavorare a distanza e di avere un reddito per sostenersi sull’isola.

Nel momento in cui la domanda viene accolta, il lavoratore dovrà corrispondere una tassa di 294 dollari e dimostrare di aver già acquistato il biglietto di ritorno insieme a quello dell’andata.

Prima della partenza, inoltre, è necessario fare un tampone e portare la copia che provi la negatività dell’esito.

Lavorare a Curaçao

Una grande distrazione può essere il mare, così come le spiagge che invogliano i viaggiatori a rilassarsi e a fare un tuffo, soprattutto con temperature medie come quelle di Curaçao. Infatti, generalmente il clima è sereno con temperature che si aggirano intorno ai 27-28 gradi.

Ma se si resiste al forte richiamo delle meraviglie dell’isola, è tempo di lavorare.

La conessione ad internet è ottima, e posti ideali per lavorare ce ne sono tantissimi.

Infatti, Curaçao è un’isola cosmopolita, soprattutto quando si tratta della sua capitale, Willemstad. La città è anche soprannominata la Amsterdam delle Antille proprio per la sua vivacità culturale e i servizi garantiti.

E dopo il lavoro, imperdibile è una passeggiata lungo il centro storico di Willemstad, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, diviso in due dal Queen Emma Bridge, un ponte mobile galleggiante.

Imperdibili sono, poi, le pause rilassanti tra le spiagge dell’isola, e tra un tuffo e l’altro non mancherà occasione di ammirare le case coloniali dai caratteristici colori pastello. Non mancano neanche le attrazioni culturali come la sinagoga del XVII secolo, Mikvé Israel-Emanuel e lo splendido ponte sospeso Queen Emma.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La Sirenetta della Disney arriva a Santa Teresa di Gallura

Giardini Ravino: i cactus più belli al mondo si trovano a Ischia

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media