Notizie.it logo

Dove andare al mare nelle Marche

Dove andare al mare nelle Marche

Come ogni anno, con l’estate ormai alle porte si fa sempre più pressante la voglia di mare e di vacanze, ma non tutti hanno le idee chiare sulla meta più adatta alle proprie esigenze. Se anche tu rientri nel gruppo degli indecisi, il litorale marchigiano con le sue spiagge sabbiose, gli arenili ricchi di ciottoli e le rocce a picco su mare potrebbe rivelarsi una scelta vincente.

Nelle Marche, così come in tante altre regioni costiere italiane, ogni località balneare ha determinate caratteristiche in grado di rendere perfetto il soggiorno estivo di qualsiasi turista o locale.

Marche e relax – Il mare di Pesaro è la scelta giusta per chi cerca una vacanza rilassante. Tuttavia gli stabilimenti ordinari si alternano a quelli più alla moda che attirano i giovani con aperitivi e musica in sottofondo. Altrettanto tranquilla e perfetta per una vacanza rilassante a pochi passi dal mare e dai principali centri abitati, come Fermo, è la piccola frazione di Marina di Altidona.

Marche, famiglia e amici – Il mare e la spiaggia di Torrette di Fano sono invece ideali per la famiglia e lo stesso vale per Porto Recanati, una delle località più indicate per chi cerca un soggiorno tranquillo, vicino alla spiaggia e con buoni servizi.

Porto San Giorgio è la località balneare ideale per una vacanza con gli amici o in famiglia, in quanto offre tante varietà di svago per grandi, giovani e piccini, mentre Grottammare, San Benedetto del Tronto e Cupra Marittima sono caratterizzati da moderni stabilimenti balneari e bellissimi lungomare, ideali per passeggiate con la famiglia e divertenti serate con gli amici.

Marche, divertimento e panorami – Se invece sei alla ricerca di una vacanza movimentata, la scelta giusta è Senigallia, sia per la spiaggia molto ampia sia per il bellissimo lungomare che la sera si anima di musica, giovani e divertimento, mentre se vuoi goderti uno spettacolo di mare e un panorama mozzafiato non puoi rinunciare a Portonovo, Numana e Sirolo.

© Riproduzione riservata
Leggi anche