Giappone: le 5 migliori escursioni della perla d’Oriente

Alla scoperta di un lato meno conosciuto del Giappone, fatto di escursioni e trekking in mezzo alla natura e ai templi.

Anche se il trekking, l’escursionismo, potrebbero non essere tradizionalmente associati a un viaggio in Giappone, questa nazione tecnologicamente avanzata è sorprendentemente ricca di campagne mozzafiato, di bellissimi paesaggi di montagna e di sentieri naturali ben curati. Come tale, ci sono un sacco di fantastiche opportunità di escursioni da fare.

Giappone: escursioni

Esplorando i sentieri ben segnalati del Giappone ti imbatterai sicuramente in antichi templi, spettacolari picchi vulcanici e una vasta gamma di panorami assolutamente mozzafiato. Oltre al trekking di più giorni, il Giappone vanta anche diversi affascinanti sentieri di un giorno che possono essere completati anche da escursionisti principianti.

1. Pellegrinaggio Shikoku

Situato sull’isola di Shikoku, lo Shikoku Pilgrimage (conosciuto anche come il sentiero degli 88 templi di Shikoku) è un famoso e lungo percorso di pellegrinaggio a 88 templi.

Questo bellissimo sentiero percorre più di 1.200 km intorno all’isola, seguendo per lo più la costa, dove si trovano la maggior parte dei templi.

Oltre a visitare una pletora di bellissimi e antichi santuari e templi, i trekker possono anche godere di fantastici paesaggi lungo il percorso. Si tratta di un percorso molto lungo e può richiedere molto tempo per essere percorso nella sua interezza.

2. Sentiero Nakahechi a Kumano Kodo

Inserito nel patrimonio mondiale dell’UNESCO, il pellegrinaggio Kumano Kodo è uno dei trekking più popolari da fare in Giappone. Kumano Kodo è in realtà una serie di sette diversi percorsi che portano ai tre famosi santuari scintoisti di Hongu Taisha, Hayatama Taisha e Nachi Taisha, che sono collettivamente noti come Kumano Sanzan.

Anche se ci sono diversi percorsi che si possono prendere, il più popolare (e famoso) da seguire è il Sentiero Nakahechi, conosciuto anche come ‘il percorso imperiale‘ per la sua storia di imperatori, nobili e pellegrini. Questo bel sentiero ti porta attraverso bellissimi boschi e paesaggi di montagna fino a raggiungere il santuario di Hongu Taisha. Da qui, puoi scegliere di continuare a camminare per visitare gli altri due santuari e le vicine sorgenti termali.

Il periodo migliore per visitarlo: è possibile fare escursioni a Kumano Kodo in qualsiasi momento dell’anno, ma la primavera e l’autunno sono le stagioni migliori se vuoi evitare temperature estreme. A marzo e aprile si può godere della bellissima fioritura dei ciliegi e a ottobre e novembre le foreste sono meravigliose con l’arrivo dell’autunno.

3. Circuito Kamikochi-Yari-Hotaka

Il Circuito Kamikochi-Yari-Hotaka porta i volenterosi escursionisti in un incredibile viaggio di 34 chilometri attraverso le Alpi giapponesi settentrionali, circondati da viste assolutamente incredibili di montagne scoscese, valli piene di nuvole e drammatiche pareti di roccia. Il paesaggio è davvero spettacolare! Il sentiero raggiunge anche il monte Yarigatake e il monte Okuhotaka-dake, entrambi con un’altezza di oltre 3.000 metri. Nonostante alcuni panorami davvero mozzafiato, è certamente uno dei percorsi a piedi più difficili del Giappone e comprende l’attraversamento di strette creste di montagna, il superamento di massi e la camminata lungo le cime delle scogliere che guardano giù su altezze che sfidano la morte. Detto questo, gli escursionisti che riescono a percorrere l’intera distanza ne usciranno certamente con un incredibile senso di realizzazione.

4. Sentiero Nakasendo

Collegando Kyoto a Tokyo, il sentiero Nakasendo risale al periodo Edo ed è ora uno dei percorsi di trekking più popolari tra la gente del posto e i turisti, dato che il trekking in Giappone sta diventando sempre più gettonato. Lo storico sentiero si snoda attraverso una bella campagna montuosa, passando per case e locande tradizionali, ruscelli gorgoglianti, foreste antiche e altro ancora. Mentre alcune parti sono diventate leggermente turistiche negli ultimi anni, la maggior parte del sentiero offre uno sguardo autentico sulla storia e la cultura giapponese. I trekker possono fermarsi in una qualsiasi delle 69 città postali che costeggiano il percorso.

5. Sentiero Shinetsu

Anche se il delizioso sentiero Shinetsu è stato aperto solo nel 2008, questo antico sentiero è stato usato per secoli ed è effettivamente uno dei più antichi di tutto il Giappone. Si snoda attraverso la catena montuosa di Sekida, è il miglior sentiero da scegliere se sei alla ricerca di gloriosi paesaggi boschivi ed è particolarmente rinomato per le incredibili foreste di faggi che si possono trovare nella regione di Satoyama. Poiché il sentiero collega molti piccoli villaggi e città tra loro, offre ai visitatori la possibilità di immergersi nel ricco patrimonio locale e di andare via con una più profonda comprensione e apprezzamento per la cultura giapponese.

Leggi anche: Cose da fare assolutamente in Giappone: 9 tappe uniche

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cose da fare in Sri Lanka: un viaggio tra meditazione, arte e natura

Bali: tutte le cose che devi sapere prima di partire

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media