Meow Wolf, Denver: uno straordinario mix di arte e cultura

Scoprite il Meow Wolf, l'iterazione di Denver del collettivo artistico di Santa Fe, famoso per le sue installazioni immersive su più piani.

Prima di tutto, dovete conoscere Meow Wolf, un collettivo artistico con sede a Santa Fe famoso per le sue installazioni immersive. La loro sede più grande è di 90.000 metri quadrati, nascosta tra un groviglio di cavalcavia interstatali nel quartiere Sun Valley di Denver.

La location stradale è sorprendentemente adatta al tema della Convergence Station, una “stazione di transito multiverso” che collega quattro mondi alieni nell’ambito del QDOT (Quantum Department of Transportation).

Meow Wolf ha sicuramente attirato un pubblico di culto, ma anche i novizi troveranno qui molto da amare.

Come sono le installazioni di Meow Wolf?

Le installazioni di Meow Wolf sono, per loro stessa natura, indescrivibili. Trecento artisti, di cui oltre 110 del Colorado, hanno collaborato a 79 progetti distribuiti su quattro piani.

C’è una cattedrale spaziale su un pianeta di ghiaccio, passaggi nascosti in una catacomba e paesaggi urbani pieni di spazzatura, bar e pizzerie aliene. È un paesaggio da sogno rumoroso e illuminato al neon, ma ha qualcosa di importante da dire se si gratta sotto la superficie delle tavole surreali e Instagram-friendly.

Cosa possiamo aspettarci?

L’enorme spazio ospita anche una sala musicale da 488 persone chiamata Perplexiplex, dove è possibile assistere a un set di artisti del calibro di GRiZ e CloZee, beniamini dell’EDM del Colorado, e del duo di DJ inglesi AlunaGeorge.

In generale, nella Convergence Station c’è molto da fare. È rumorosa, luminosa, labirintica e un vero e proprio sovraccarico sensoriale.

Meow Wolf denver

E il pubblico?

La folla di Meow Wolf tende a essere giovane e alla moda; questo spazio, in particolare, è lontano dal quartiere dei musei di Denver, quindi non è esattamente il tipo di spazio in cui ci si imbatte senza sapere in cosa ci si sta cacciando. È sicuramente possibile farsi un’idea di quali spazi stanno già diventando i luoghi preferiti per i selfie degli influencer. La statua pastello del bradipo a Numina, il divano rosso di fronte a una parete di libri precariamente impilati, l’organo della Cattedrale caleidogotica.

I bambini apprezzeranno l’esplorazione (a patto che riescano a sopportare tutte le luci e i rumori forti), ma noi pensiamo che sia più adatta a chi è un bambino nel cuore.

Dal punto di vista pratico, come sono le strutture?

Nel campo delle gallerie d’arte, Convergence Station si avvicina probabilmente il più possibile a uno sport estremo. Come avvertono sul sito web, la mostra presenta “spazi bui, scarsa illuminazione, sporgenze basse, spazi stretti, vespai, passaggi stretti, scale ripide, luci lampeggianti/strobo, effetti teatrali di nebbia, musica, alcuni rumori forti e materiali esposti”. In altre parole, preparatevi a tutto, soprattutto se soffrite di claustrofobia o odiate la folla.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Milano in due giorni: scopri la Fashion City in un weekend

Washington Park: il gioiellino naturale di Denver

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media