Parco Dora di Torino: cosa vedere e cosa fare

Le bellezze da scoprire al Parco Dora, uno degli spazi verdi più grandi di Torino.

La città di Torino è piena di luoghi davvero interessanti che uniscono arte e natura, come il Parco Dora, una delle aree verdi più grandi del capoluogo piemontese. Piazze coperte, installazioni, graffiti e murales, sono tantissimi gli elementi che rendono il Parco Dora molto più di una semplice area per divertirsi e rilassarsi.

Vediamo, quindi, quali sono le attrazioni e i luoghi migliori per trascorrere un momento di cultura e relax a Torino.

Parco Dora di Torino

Il Parco Dora è un parco postindustriale del capoluogo piemontese, situato nell’area di Spina 3. Viene chiamato postidustriale proprio perché fino agli anni Novanta qui sorgevano i grandi stabilimenti produttivi della Fiat e della Michelin.

Prende il nome dal fiume che lo attraversa, la Dora Riparia, valorizzato dalla riqualificazione delle sponde e accessibile per una rilassante passeggiata.

Advertisements

Il parco è per i cittadini molto più di un luogo in cui rilassarsi nella natura, ma un vero e proprio museo a cielo aperto. Infatti, l’area suddivisa in lotti vanta diverse attrazioni molto interessanti.

I lotti sono cinque, Vitali, Ingest, Valdocco, Michelin e Mortara, inaugurati tra il 2011 ed il 2014.

Oggi, il parco postindustriale della Dora costituisce l’opera di maggior rilievo nell’ambito della trasformazione urbanistica della Spina 3.

In più, con i suoi 456.000 metri quadrati di superficie, rappresenta uno dei più vasti polmoni verdi della città, dopo il Parco della Pellerina.

Parco Dora

Lotto Ingest

Il lotto Ingest è il più piccolo del parco, situato a ovest, a ridosso dei complessi residenziali di via Valdellatorre e della Chiesa del Santo Volto.

Il luogo ideale per rilassarsi, tra prati, zone alberate e aree attrezzate con giochi e aiuole. Sempre qui, poi, si trova uno splendido giardino acquatico con vasche e canali d’acqua in movimento.

Lotto Michelin

Nella zona a sud del parco, il lotto Michelin è attraversata dal fiume a cui si ha accesso con una sorta di spiaggia urbana. Lungo le sponde, poi, si allungano percorsi ciclopedonali.

Lotto Vitali

L’area più estesa del parco è il lotto Vitali, caratterizzata dalla presenza delle preesistenze industriali.

Sotto una grande copertura si trovano diversi campetti da gioco per calcetto, basket, tennis, pallavolo e perfino una rampa per skate.

Sempre qui, inoltre, si trovano degli incantevoli graffiti e opere di street art, in perfetto connubio con le vaste aree verticali composte da muri, pareti, torrioni.

Lotto Mortara

Nel cuore del parco si estende, poi, il lotto Mortara, tra lunghi viali e vecchie strutture industriali.

Lotto Valdocco

Infine, a est del parco troviamo il lotto Valdocco, caratterizzato da una “grande piazza alberata” che costeggia il fiume. Lungo la Dora si estendono, inoltre, larghe passeggiate pedonali delimitate da muretti di pietre ingabbiate.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Home restaurant di Verona e provincia: i migliori da provare

Monte Vareno, Angolo Terme: dove si trova e cosa fare

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media