Sempre più italiani scelgono la Masseria come meta per le proprie vacanze

Comfort, immersione nella natura e nella tradizione, tranquillità e bellezza: sono queste le caratteristiche di una masseria e i motivi per cui sempre più italiani scelgono tali luoghi come meta per le proprie vacanze.

Comfort, immersione nella natura e nella tradizione, tranquillità e bellezza: sono queste le caratteristiche di una masseria e i motivi per cui sempre più italiani scelgono tali luoghi come meta per le proprie vacanze. La vita quotidiana, con i suoi ritmi serrati, il lavoro, la gestione delle finanze e della casa, l’organizzazione con il partner o con la famiglia spesso può portare ad accumulare stress e stanchezza; nulla di meglio, quindi, di qualche giorno all’insegna del relax e del paesaggio bucolico, per ritrovare il contatto con sé stessi e con la natura.

Difficile, dunque, trovare luoghi più appropriati delle masserie: lunghe distese erbose, profumo di fiori e di campi, lievi brezze sulla pelle, il silenzio della campagna, costruzioni rurali che, pur essendo dotate di tutti i comfort necessari per gli ospiti, hanno mantenuto la loro caratteristica bellezza architettonica.

La masseria è il trend del momento

Diffuse in tutto il centro e sud Italia, in particolare in Puglia, le masserie sono costruzioni in pietra dove, nei tempi passati, vivevano e lavoravano i pastori e i contadini. La maggior parte delle masserie sono oggi state trasformate in aziende agricole, case vacanze, b&b “ecologici”, strutture di charme, come Masseria Mongiò, dove è possibile gustare prodotti tipici del luogo a Km 0: marmellate e conserve, formaggi, salumi, fragrante pane fatto in casa, olio d’oliva e vino di propria produzione.

Le masserie sono normalmente immerse in un enorme spazio verde, di solito grandi pinete, agrumeti profumati o immensi uliveti caratteristici della zona, spesso dotati di frantoio ipogeo, per consentire un’esperienza davvero immersiva nella vita contadina. Allo stesso tempo, le masserie non sono troppo lontane da borghi e città e questa caratteristica le rende dei luoghi di pernottamento ideali anche per raggiungere altre mete, come le città d’arte.

Non solo vacanze estive in masseria

Negli ultimi anni le vacanze non sono più limitate alle solite due settimane del mese di agosto. Sono innumerevoli gli italiani che scelgono un periodo dell’anno differente, come le prime settimane di primavera o i mesi di settembre e ottobre, per i più svariati motivi: meno traffico, meno caldo, meno posti sovraffollati.

La masseria in questo senso è un luogo ideale. Soprattutto in Italia meridionale il clima risulta essere piuttosto mite e gradevole anche durante i primi giorni di ottobre, peculiarità particolarmente apprezzata dai viaggiatori sia italiani che esteri, che virano sempre di più la scelta delle ferie in questi mesi, lontani dalle folle estive.

La masseria è una sistemazione ottimale anche per l’autunno, periodo durante il quale la natura si colora delle più calde tinte tra l’arancione, il giallo e il rosso, donando una luce nuova, accogliente, panacea per corpo e mente. Anzi, è forse questo il momento migliore per godere dei prodotti culinari tipici e gustare il vino novello, per partecipare ad attività come la vendemmia o la raccolta delle olive, per scattare le migliori fotografie alle fronde dorate degli alberi.

Un’esperienza adatta a tutti i viaggiatori

La vacanza in masseria è adatta a qualsiasi tipo di viaggiatore: un solitario in cerca di tranquillità, una coppia amante del relax, una famiglia pronta a nuove attività da svolgere insieme. Portare dei bambini in vacanza può a volte rivelarsi un vero stress: l’attenzione verso i figli deve triplicare, per essere sicuri che non manchi loro nulla, che non si perdano tra la folla, che non corrano rischi.

Per questo motivo sempre più famiglie scelgono di passare le loro vacanze in masseria, soprattutto se le strutture offrono spazi ricreativi ma circoscritti come piscine e giardini, dove i bambini possono giocare in sicurezza e dove è possibile anche svolgere delle attività educative, come il bird watching, la conoscenza delle piante, la cura di piccoli orti e la preparazione di pane o piatti tipici attraverso corsi di cucina dedicati ai bambini, in modo da stimolare la creatività e la crescita.

Moltissime masserie italiane offrono anche attività come palestre, centri benessere e SPA, per garantire ai propri ospiti un assoluto relax; spesso è possibile trovare anche maneggi di proprietà dell’azienda agricola e usufruire così di lezioni di equitazione.

Insomma, scegliere di passare le proprie vacanze in masseria non significa solo stare a contatto con la natura rurale: si tratta di una vera e propria esperienza unica in angoli di paradiso, dalle numerose possibilità, in grado di regalare momenti indimenticabili, qualsiasi tipo di viaggiatore si ritenga di essere.

Scritto da Redazione Viaggiamo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa vedere a Otranto? Scopriamolo insieme

Una vacanza alle Azzorre: tutto quello che c’è da sapere

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media