Notizie.it logo

Sicilia a settembre dove andare: mare, spiagge e arte

sicilia a settembre dove andare

Sicilia, una località che non perde mai il suo fascino, neppure a settembre.

La Sicilia è una grande meta turistica, sempre gettonata durante l’anno, grazie alle diverse attrazioni, ma principalmente per il suo clima.
Durante i mesi estivi, le località balneari sono letteralmente prese d’assalto. Dalla costa occidentale a quella orientale, gli italiani e gli stranieri, scelgono la Sicilia per il mare e la cucina particolarmente rinomata, per trascorrere le proprie vacanze anche a settembre. Scopri dove andare,

Sicilia a settembre dove andare

Taormina

Anche a Settembre, in Sicilia si continua a respirare aria di vacanze, complice il clima che permette di poter fare ancora il bagno a mare, quando in altre parti d’Italia si respira già un’aria decisamente autunnale.

Sicuramente l’attrazione principale rimane sempre il bel mare e pertanto le località più rinomate della Sicilia, godono di un particolare afflusso di turisti anche a Settembre.

Taormina, San Vito lo Capo, Cefalu’, Agrigento, sono solo alcune località dove le prenotazioni non mancano mai.
Il motivo principale e’ la loro posizione strategica, che consente di unire il tour di visite d’arte e storia al relax delle spiagge.

Taormina per esempio, è meta di mondanità, dove la presenza di corso Umberto, via principale dello shopping e di marchi d’alta moda, diventa un passo obbligato per le passeggiate serali dei turisti.

Durante il giorno, invece, prenderanno il sole e faranno il bagno sull’Isola Bella, una spiaggia sottostante, che e’ riserva naturale, con scogli che la rendono la perfetta scenografia di un paradiso di mare.

Non possiamo, infine, non citare il Teatro Antico, un teatro greco con vista sul mare, dove ancora oggi vengono messe in scena tragedie greche, ma anche importanti concerti e manifestazioni.

Cefalù

Clima simile si respira a Cefalù, località balneare vicino Palermo, ma anche città d’arte, con un gran duomo diventato patrimonio dell’Unesco, dove a Settembre sembra di essere in pieno periodo estivo.

Il famoso lungomare adiacente al paese ed a tutte le strutture alberghiere, permette di essere in un attimo in spiaggia e godere di giornate di relax sul litorale tirrenico.

Agrigento

Agrigento, famosissima per la sua Valle dei Templi, è un luogo da visitare assolutamente.

Si vive la presenza degli antichi resti dei templi, mantenuti in stato originale e divenuti la principale attrazione della città.

Inoltre, a pochi chilometri, si può apprezzare il mar Mediterraneo, in spiagge che ogni anno ottengono la bandiera blu, come mare più pulito d’Italia.

Da quelle parti, si può arrivare in altre mete, come Menfi o Sciacca, famose proprio per le loro spiagge e per la natura ancora incontaminata del litorale.

San Vito lo Capo

Spostandoci invece nella provincia di Trapani, la meta più gettonata e’ senz’altro San Vito lo Capo.
Questa luminosa cittadina e’ ubicata sul mare più famoso per i siciliani e non, dove oltre al turismo balneare, vengono spesso organizzati eventi e sagre che richiamano migliaia di turisti durante l’anno.

Durante il mese di Settembre in particolare, ricordiamo il Cous Cous Fest, generalmente organizzato gli ultimi dieci giorni del mese. Un evento che vede come protagonista il cous cous, piatto tipico del luogo, in una vera e propria maratona di degustazioni nel corso principale.

Sagre e feste patronali

In ultimo, ma non meno attrattive, sono tutte le feste patronali, che durante il mese di settembre vengono dedicate alla Madonna, dove in diverse localita’ sicule si organizzano riti e tradizioni, che richiamano la presenza di molta gente.

Localita’ come Tindari, Gibilmanna, Altavilla Milicia e tante altre ancora, si tingono di festa e luci per tutto il paese, con processioni ed eventi, dove la tradizione fa da padrona.

In queste occasioni, sia religiosi che semplici turisti, vanno a visitare le chiese ma anche i percorsi tradizionali, fra antiche abitazioni e veri e propri borghi, che rendono unici questi luoghi.

© Riproduzione riservata
Leggi anche