Notizie.it logo

Tour luoghi e leggende di Re Artù in Cornovaglia

Tour luoghi e leggende di Re Artù in Cornovaglia

Miti del leggendario Re Artù abbondano in misterioso Cornwall, che si dice sia nato a spettacolare castello di Tintagel in Cornovaglia settentrionale e di aver ricevuto le sue ferite mortali a Camelford.

Le leggende hanno un fondo di verità. Arthur esisteva, un capo celtico che è venuto a portare la lotta contro gli invasori anglo-sassoni alla fine del V agli inizi del VI secolo e vi è una forte tradizione in Cornovaglia. E ‘difficile da districare la leggenda dal fatto. Arthur non era probabilmente un re, ma un nobile che è salito alla ribalta come leader di guerra, piuttosto che un re.

Nei testi gallesi sesto secolo, non è mai indicato come un re, ma come ‘dux bellorum’ un titolo militare romano per leader di guerra, in particolare applicato ad un comandante di cavalleria.

Nella Historia Brittonum, scritto nel IX secolo, da un monaco Welsh, Nennio, Arthur è indicato come il ‘capo di battaglie’, piuttosto che un re, questa fonte elenca dodici battaglie contro i Sassoni in cui è noto per aver preso parte.

Il decimo secolo Annales Cambriae fa riferimento a una delle sue vittorie più famose, Mons Badonicus, o sul Monte Badon. Non vi è alcun dubbio che Badon era una decisiva vittoria britannica.

Le leggende arturiane sono diventate popolari grazie al monaco medievale e scrittore Goffredo di Monmouth nella sua ‘Storia dei re di Gran Bretagna’ scritta nel 1135.

Geoffrey presenta tutti i nomi famosi che dovevano apparire vividamente nelle leggende arturiane più tardi, la sua spada, Caliburn, sua moglie Ganhumara, Kay, Bedevere e Gawain.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche