Notizie.it logo

Venezia cosa vedere in due giorni: i nostri consigli

venezia cosa vedere in due giorni

Venezia, tutto il fascino dei canali e della tradizione.

Venezia è una delle più belle città d’arte italiane, amata non solo dai residenti ma anche dal largo numero di turisti che va a visitarla.

Vi chiederete:” Io che sono un turista e ho tante città da visitare in poco tempo, dove posso andare affinché ammiri il più possibile questa bellissima città?”.

Venezia cosa vedere in due giorni

Le chiese

Certamente Venezia, una così bella città ricca di storia e cultura, potrebbe essere ammirata da vicino per anni, scoprendo giorno dopo giorno un tesoro diverso fra i suoi pezzi di storia.

Senza dubbio uno dei posti da visitare è la Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari comunemente detta Basilica dei Frari.
Questa imponente Basilica, divenuta tale nel 1926, è la chiesa più grande di Venezia.

Il suo stile è un Gotico Veneziano ma non è questo il motivo per cui è così stupefacente, bensì il fatto che al suo interno abbiamo molte opere d’arte; inoltre questa incredibile Basilica custodisce i resti di numerosi Dogi

Un’altra delle incredibili chiese di Venezia è indubbiamente quella di San Pantaleone anche detta San Pantalon, deve la sua incredibile fama al Martirio di San Pantalon, il più grande dipinto su tela del mondo con i suoi 443 metri quadrati.

La storia di questa chiesa è però molto incerta poiché le notizie certe sono ben poche, una delle cose certe è il fatto che fosse stata totalmente ristrutturata nel 1704 poiché troppo pericolante.

Una delle migliori espressioni dell’architettura Barocca Veneziana è la Basilica di Santa Maria della Salute costruita come voto alla Madonna per liberare Venezia dalla peste scoppiata nel 1630 che decimò la sua popolazione, quando terminò la peste, iniziò un vero e proprio culto verso la Madonna fino al punto in cui venne aggiunta ai Santi Patroni di Venezia. Il 21 Novembre i veneziani festeggiano la Festa della Madonna della Salute ringraziando ancora la Madonna per aver liberato la città dai mali

Tappe imperdibili

Essendo a Venezia, viene spontaneo passare dalla Galleria Dell’Accademia, un’ incredibile galleria con numerosi visitatori ogni giorno, probabilmente deve questa sua popolarità al fatto che all’interno di essa ci siano ben 7 sculture di Michelangelo tra le quali il celebre David.

La grande fama di Venezia però gira attorno alla Piazza San Marco, unica vera piazza di Venezia (le altre vengono considerate “campi”) e simbolo di essa, anche chiamata “Il salotto d’Europa“,è una tappa obbligatoria una volta arrivati a Venezia.

Ci troviamo già nella piazza della città, vediamo così una gigantesca torre scorgersi in cielo, è proprio il campanile dell’omonima piazza, il Campanile di San Marco, è uno dei campanili più alti d’Italia con i suoi quasi 100 metri d’altezza.

Questo simbolo di Venezia nasce come faro e torre d’avvistamento, con il passare degli anni però, iniziò a crollare così nel 1511, in seguito ad un terremoto, il campanile necessitò di essere ristrutturato, termina questo lavoro nel 1513 quando sulla cuspide della torre viene posizionata la statua in legno dorato dell’Arcangelo Gabriele.

Grazie alla sua altezza divenne un vero e proprio parafulmine naturale e ciò fece in modo che la torre si rovinasse in fretta nel tempo necessitando di molti altri restauri. Grazie a queste sue funzionalità, i veneziani la chiamano nel loro dialetto come “Il Padrone di casa“.

Il ponte di Rialto è uno dei 4 ponti che attraversano il Canal Grande, senza dubbio è il più antico ma anche il più conosciuto, la sua bellezza spicca incredibilmente durante la sera quando le sue luci illuminano l’ambiente circostante.

Venezia però non mostra tutta la sua bellezza semplicemente con i suoi edifici, la sua costruzione sopra una laguna, fa in modo che si possa attraversare in maniera molto veloce la città grazie alle gondole, una delle specialità veneziane è infatti viaggiare tramite la gondola potendo ammirare così molte meraviglie di Venezia comodamente seduti.

© Riproduzione riservata
Leggi anche