Vulcani di fango, cosa sono e dove trovarli

Vulcani di fango, i crateri che eruttano argilla.

Vulcani di fango: cosa sono

I vulcani di fango sono delle zone collinari tutto sommato di piccole dimensioni, che eruttano argilla mista ad acqua che forma una sorta di fango, a cui si aggiungono i sali minerali e alcuni gas come il metano e gli idrocarburi.

Come viene in superficie il fango? Il fango riesce a risalire in superficie spinto dai gas presenti sottoterra e risale sotto pressione attraverso falde, cioè insenature, presenti all’interno della collina argillosa. A volte queste colline d’argilla si possono trovare anche vicino ai vulcani veri e propri, ma la loro attività non è legata all’attività del vulcano di lava.

Vulcani di fango: dove trovarli

In Italia esistono due tipi di vulcani di fango, di cui uno detto macaluba e l’altro conosciuto come salinella o salsa.

Bisogna considerare che i vulcani di fango non sono fenomeni geologici eccezionali, infatti non sono rari bensì in tutto il mondo se ne contano ben 1100 in totale.

Tornando all’Italia, le zone principali in cui è possibile trovare i vulcani di fango sono in Emilia Romagna a Modena e in Sicilia a Catania.

Riserva Naturale Salse di Nirano

A Modena ci sono i vulcani di fango all’interno della Riserva Naturale Salse di Nirano, dove vengono chiamati con svariati nomi come salse, bollitori, vulcanetti di fango, borboj.

Una particolarità molto suggestiva di queste salse sono i borbottii che si riescono a sentire stando in assoluto silenzio. Le salse eruttive sono costituite da fango che risale le falde geologiche e seccandosi una volta in superficie crea un cono di terra argillosa che ha appunto l’aspetto di una collinetta conica.

Le salse di Nirano sono immerse nella natura, circondate da un intero parco naturale; ben otto sentieri naturalistici portano in giro all’interno della riserva regionale di Nirano, in alcuni casi il sentiero si allunga su passerelle di legno predisposte per permettere al turista di raggiungere le salse e poterle vedere ed eventualmente fotografare più da vicino.

La salsa maggiore è circondata da una staccionata di legno per impedire che i turisti possano farsi male e allo stesso tempo per garantire la protezione a un fenomeno geologico così particolare. Ancora degno di nota è la presenza nella riserva di un laghetto di fango molto suggestivo, dal quale fuoriescono borbottii udibili a distanza per via delle bolle di idrocarburi che salendo in superficie scoppiettano.

Belpasso e Paternò

Altri vulcani di fango sono quelli presenti nell’area di Catania, in particolare a Belpasso e Paternò. Queste salinelle sorgono proprio ai piedi dell’Etna, rinomato e maestoso vulcano di lava siciliano.

Sul versante meridionale dell’Etna si possono vedere le salinelle che hanno la particolarità di essere connesse con l’attività vulcanica del vulcano di lava, per cui si differenziano completamente dagli altri vulcani di fango. Durante le fasi più attive dell’eruzione queste salinelle possono dar luogo a fontane anche alte decine di centimetri e le temperature massimali raggiungono anche i 50°C. Una particolarità è che le macchie scure che si evidenziano sul liquido fangoso sono le tracce degli idrocarburi.

Vulcani di fango: su Marte

Potrà sembrare inverosimile, ma da una ricerca scientifica italiana è emerso un dato a dir poco impressionante; sul pianeta “rosso” ovvero su Marte si sono trovati migliaia di vulcani di fango, che ricoprono un’area di circa 12000 chilometri quadrati. Come è stato accennato si tratta di una ricerca italiana condotta dall’Università di Padova nel dipartimento di Geoscienze.

Questi studi sono serviti per approfondire le conoscenze di Marte in merito alla presenza o meno di acqua sul pianeta “rosso”.

Un accenno particolare anche ad altre zone in cui questi fenomeni geologici si manifestano con estrema frequenza, attirando numerosi turisti e ovviamente incentivando le ricerche di altrettanti numerosi studiosi: in Romania i vulcani di fango di Buzau sono un fenomeno naturale studiato e addirittura alcuni abitanti hanno questi vulcani di fango nei loro giardini.

In Azerbaijan e in Indonesia dove i vulcani di fango sono di dimensioni incredibili, fino a 10 km di diametro e altezze fino a 100 metri, i visitatori restano incuriositi e stupefatti.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cucine etniche: quali provare

Upernavik, case colorate in Groenlandia

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • zermatt estate 2020Zermatt estate 2020: tutte le informazioni

    Tutte le informazioni che servono per visitare Zermatt durante l’estate 2020.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.