Notizie.it logo

Astana cosa vedere nella città kazaka

astana cosa vedere

Astana, ancora poco conosciuta, ha molto da offrire.

Astana è la capitale del Kazakistan, possiede una popolazione di circa una ventina di milioni di abitanti ed è una delle città molto importanti presenti nell’Asia Centrale, una meta molto frequentata da non molto tempo dai turisti che desiderano fare un viaggio nel continente asiatico. Scopriamo cosa vedere.

Astana cosa sapere

Astana è una città che, col tempo si è evoluta, infatti grazie alla tecnologia, alla presenza di enormi grattacieli e alle architetture stravaganti che la città offre, possiamo dire che si tratta di una Dubai in versione kazaka e la denominazione vuol dire Capitale.

I visitatori diretti ad Astana troveranno punte di 40° nel periodo estivo e -20° in quello invernale, divenendo una delle capitali più fredde del mondo, un consiglio che darei per chi desidera andare nella capitale kazaka, sarebbe quello di andarci nel periodo di Maggio oppure Settembre.

Una delle tante ragioni per cui una città come Astana sia divenuta così importante riguarda la presenza di manifestazioni importanti che si svolgono alla fiera, per fare un esempio nell’anno 2017 è stata la possibilità di ospitare il cosiddetto EXPO, un evento internazionale che in quell’anno si è svolta dal 10 Giugno al 10 Settembre con il tema dell’energia futura.

Astana cosa vedere

Sono presenti vari luoghi da visitare fra torri, palazzi e moschee, dove in ognuno di esse, i turisti che desiderano andare ad Astana possono ammirare tutto ciò che all’interno offrono, tipo la Piramide della pace tra i popoli e della riconciliazione, il Khan Shatyr, la Torre Bayterek e il Parco Nazionale di Burabay.

Piramide della Pace

La prima costruzione di cui vogliamo parlare è la cosiddetta Piramide della pace, molto legata alla religione, infatti la piramide offre la possibilità di riunire tutti i culti in un unico posto, facendo raggiungere alla gente l’illuminazione suprema.

Dall’esterno, la Piramide della Pace è costituita nell’apice da una struttura di vetri ed acciaio, permettendo al sole di illuminarla da tutti i punti.

All’interno della piramide si può trovare l’Opera House, dove possiamo avere modo di ammirare il sole incastonato sulla cupola che prende circa tutta la superficie del soffitto.

Khan Shatyr

Il secondo luogo da visitare è la tenda più alta del mondo, il Khan Shatyr, un centro d’intrattenimento e dove si può vedere tanto verde, ricco di palme e tanti negozi, visto che dentro si può trovare un centro commerciale, un luogo adatto per coloro che desiderano fare shopping.

All’interno di questa tenda possiamo trovare anche un fiume navigabile e un servizio di trasporto, un campo da minigolf e un resort presente al quinto piano, con un clima tropicale che permette alla gente di trascorrere del tempo caldo, mentre al secondo piano possiamo trovare un salone da cinema per coloro che adorano vedere i film.

Torre Bayterek

Uno dei luoghi dove la gente può ammirare dall’alto la capitale kazaka è la torre Bayterek, alta quasi un centinaio di metri, raggiungibili tramite l’uso di ascensori, un simbolo importante perchè rappresenta l’anno in cui questa città è diventata la capitale dello stato, mentre al livello superiore si può vedere la figura della mano del presidente del Kazakistan di quel tempo, Nursultan, nonchè il primo capo dello stato.

Parco Nazionale di Burabay

L’ultimo luogo di cui vogliamo parlare riguarda gli escursionisti, è il Parco Nazionale di Burabay, nome derivante dal lago e dalla cittadina del posto.

In questo parco si possono trovare varie colline, laghi e rocce (tra cui la roccia di Zhumbaktas e quello di Okzhetpes), e gli zoo dove sono presenti cervi del Caspio, Pony della Mongolia, aquile ecc.

Tra i percorsi escursionistici che possiamo trovare, ce n’è uno che permette di attraversare la cittadina di Burabay e quello di Goluboy Zaliv.

Un ulteriore percorso escursionistico da proporre è quello che conduce al Monte Bolektau, della durata di 30 minuti ed è un percorso che serve a potere ammirare il lago dall’alto.

© Riproduzione riservata
Leggi anche