Notizie.it logo

Il Castello delle favole: Neuschwanstein

neuschwanstein

Torrette e guglie, scale a chioccola e camere in legno intagliato, persino un lampadario d’oro: il castello bavarese di Neuschwanstein ha tutto quello che ci si potrebbe aspettare da un castello delle favole (non a caso, pare che Walt Disney si ispirò proprio a questo edifico per il castello della Bella Addormentata).

Se siete interessati a visitare il castello più famoso della Baviera, consigliamo di visitare Expedia e Volagratis per comparare le migliori offerte sui voli per la Germania, invece per gli alloggi consigliamo di visitare Booking.


Il castello nel suo complesso si estende per 6.000 metri quadrati articolati su 4 piani e numerose torri, alte anche 80 metri. La posizione del castello è sommamente scenografica: ai piedi di una montagna, poco distante da un lago, sul ciglio di una gola vertiginosa e in vista di un altro castello, immerso nella foresta.

La costruzione iniziò ne 1869 sotto il regno di Ludovico II di Baviera, conociuto anche come il “Re matto”.

Furono necessari 5 anni solo per realizzare la camera del re, con il suo elaborato letto a baldacchino e le finestre in stile gotico.

Un murale raffigura la leggenda di Tristano ed Isotta – una delle scene mitiche più rappresentate all’interno del castello e chiaramente ispirata alle opere di Richard Wagner.

La stravaganza romantica di re Ludovico è visibile ovunque: colonne scolpite a forma di palme, uno studio reale dove l’unico tessuto impiegato è la seta ricamata a mano, un pavimento realizzato con 2.5 milioni lastre di marmo ed un lampadario dorato dal peso di quasi una tonnellata, per non menzionare la grotta artificiale con stalattiti e cascata.

La costruzione di Neuschwanstein richiese un’immensa fortuna, tanto che per fermare Ludovico i ministri del governo lo dichiararono insano di mente e lo rimossero dal trono. Pochi giorni dopo, Ludovico morì in circostanze misteriose e il suo castello, dove in verità soggiornò appena pochi mesi, rimase incompleto.

© Riproduzione riservata
About Silvia Antona
Traduttrice
Leggi anche