Castello di Hohenzollern: storia, curiosità e visita

La storia e le informazioni per la visita al fiabesco Castello di Hohenzollern, una delle più belle rocche della Germania.

Il meraviglioso Castello di Hohenzollern è una rocca fiabesca che racconta la storia della famiglia prussiana che ha abitato tra le sue mura. Un luogo suggestivo e incantevole, tra i più belli della Germania.

Castello di Hohenzollern: storia

Il castello di Hohenzollern, in tedesco Burg Hohenzollern, è una rocca non lontana dalla città di Tubinga, in Germania.

In passato appartenne alla nobile famiglia prussiana degli Hohenzollern, che visse qui dall’Alto Medioevo alla prima guerra mondiale. Ad oggi, è considerato uno dei più bei manieri della Germania. Infatti, è diventata meta turistica amata dagli appassionati della storia e dalle coppie in cerca di luoghi romantici.

Il castello si trova sulla sommità del Monte Hohenzollern ad un’altitudine di 855 metri, al di sopra dell’abitato di Hechingen e nel territorio del comune di Bisingen.

Advertisements

Costruito originariamente nella prima parte dell’XI secolo, subì ingenti danni a seguito di un assedio di dieci mesi nel 1423 da parte dell’unione di alcune città sveve. Un secondo castello, più ampio, venne costruito sulle rovine dal 1454 al 1461 e servì come rifugio alla famiglia Hohenzollern anche durante la guerra dei trent’anni. Alla fine del XVIII secolo, tuttavia, si iniziò a pensare che il castello avesse perso la sua importanza strategica e cadde gradualmente in abbandono.

L’abbandono portò al crollo di diversi edifici. Oggi dell’originario edificio medievale rimane solo la cappella. La terza ricostruzione del castello, come lo vediamo oggi, venne effettuata tra il 1846 e il 1867. La ricostruzione, commissionata dal re Federico Guglielmo IV in stile neogotico, aveva scopi principalmente celebrativi del prestigio della casata Hohenzollern.

castello germania

Il castello delle fiabe

La Germania è famosa per la bellezza dei suoi maestosi castelli che ricordano tanto quelli delle fiabe. E non per caso. Infatti, si dice che i castelli tedeschi abbiano ispirato Walt Disney, che li prese a modello per i suoi film d’animazione.

Castello di Hohenzollern

Visita al castello

Oggi il castello è una popolare attrazione turistica. Durante le visite guidate i turisti scoprono gli eleganti saloni dai soffitti affrescati partendo dalla sala d’Ingresso con il dipinto dell’albero genealogico della dinastia, per proseguire con la Sala da Pranzo e la Sala da Ballo. Nella Stanza del Conte sono conservate ancora oggi numerose statue e dipinti. La visita raggiunge, poi, la Stanza del Tesoro, dove si possono ammirare numerosi oggetti appartenente alla famiglia reale, come la corona del re di Prussia.

Il castello è visitabile dal 16 marzo al 31 ottobre ogni giorno dalle 10 alle 17:30. Poi, dal 1° novembre al 15 marzo dalle 10 alle 16:30.

La rocca si raggiunge tramite bus-shuttle e il biglietto si può acquistare a bordo. Si può anche raggiungere in auto o con mezzi propri tra moto e caravan.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lago di Levico: dove andare per godersi la spiaggia libera

Ponte dell’Accademia, Venezia: tutte le informazioni

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media