Cattedrale di Barcellona: la storia e la visita

Tutte le informazioni sulla storia e la visita alla Cattedrale di Barcellona, perla gotica della città catalana.

La Cattedrale di Barcellona vanta una storia secolare ed è un gioiello gotico della Catalogna. Situata nel quartiere gotico della città, la famosa chiesa è una meta turistica molto popolare che non può mancare in un viaggio a Barcellona.

Cattedrale di Barcellona: la storia

La Cattedrale della Santa Croce e Sant’Eulalia, o Catedral de la Santa Creu i Santa Eulàlia, o Catedral de la Santa Cruz y Santa Eulalia, è situata nel Barri Gòtic, il quartiere gotico della città. Cattedrale-sede dell’arcidiocesi di Barcellona, la chiesa è insignita nel 1867 del titolo di basilica minore, e dal 2 novembre 1929 è Monumento Storico – Artistico spagnolo.

La cattedrale attuale fu costruita in stile gotico tra il XIII e il XV secolo sui resti di precedenti chiese.

Advertisements

Il primo edificio fu una basilica paleocristiana a tre navate, con il battistero a pianta quadrata che ospitava una fonte battesimale ottagonale.

Rimase intatta durante l’invasione dei Visigoti, e probabilmente trasformata in moschea durante l’occupazione musulmana della città. In seguito fu restaurata intorno al 877 dal vescovo Frodoí. Ritrasformata in stile romanico, la consacrazione risale al 1058. Più piccola dell’attuale, era anch’essa a tre navate con tre absidi sopraelevate, un portico nella facciata e campanile.

La costruzione dell’attuale edificio iniziò nel maggio del 1298 durante il regno di Giacomo II d’Aragona e il vescovado di Bernardo Pelegrí. La chiesa non è stata mai chiusa durante i lavori, perciò mantenne lo stesso asse della chiesa romanica.

Cattedrale di Barcellona

Il chiostro

Molto interessante è il Chiostro della cattedrale, costruito durante i secoli XIV e XV. Si accede al Chiostro dal transetto destro, dalla Porta San Sever, di fattura italiana. Da non perdere, nella volta a crociera, le chiavi scolpite da maestri catalani e da Giuliano Fiorentino. Al centro del Chiostro, poi, si trova la splendida fontana delle oche e tutto intorno magnolie e palme. Durante la processione del Corpus Domini una delle fontane del chiostro viene addobbata con fiori e un singolare guscio d’uovo che simboleggia l’ostia consacrata, lasciato danzare sull’acqua nel rispetto delle antiche tradizioni della città.

Le 13 oche raffigurano, invece, gli anni del martirio di Santa Eulalia, simboleggiando con il loro verso, i guardiani per il chiostro.

Visita

La Cattedrale si trova nel centro storico ed è, perciò, facile da raggiungere anche a piedi.

Gli orari di apertura vanno dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12.45 e dalle 17.15 alle 19.30. Invece, dalle 13 alle 17 si entra lasciando un’offerta libera.

Il sabato, invece, si può visitare dalle 8 alle 12.45 e dalle 17.15 alle 20.

Il prezzo dei biglietti è di 3 euro per i tetti e 3 euro per il coro. Con 7 euro si può salire sui tetti, visitare il coro e il Cristo di Lepanto.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Punta Campanella: caratteristiche e sentiero per spiaggia libera

Ponte di Rialto di Venezia: l’interessante storia

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media