Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Cosa vedere al Cairo in 3 giorni: tutti i consigli

cosa vedere al cairo in 3 giorni

Alla scoperta della capitale egiziana.il c

Il Cairo, capitale egiziana sulle sponde del Nilo, è una città ricca di storia e cultura e servirebbero parecchi giorni per poterla visitare adeguatamente e godere delle bellezze che questa città è in grado di offrire. Vediamo comunque cosa vedere al Cairo in 3 giorni.

Cosa vedere al Cairo in 3 giorni

Avendo a disposizione solamente tre giorni, bisogna fare in modo di recarsi nei luoghi più caratteristici e storicamente rappresentativi del territorio visitandone uno al giorno.
Le tre mete potrebbero essere:
– la necropoli di Giza
– il museo Egizio e Piazza Tahrir
– la Torre de Il Cairo, la Moschea di Alabastro e il Quartiere Copto

Necropoli di Giza

Il primo giorno si può visitare la Necropoli di Giza che dista soltanto otto chilometri dalla città e si estende su un altopiano di duemila mq.
Qui sorgono le tre maestose Piramidi: quella di Cheope che misura 147 metri di altezza, quella di Chefren alta 140 metri e quella di Micerino di soli 65 metri.

Di fronte alla Piramide di Cheope c’è la Sfinge che sembra fare la guardia alla Piramide di Chefren.

Questi edifici funerari furono costruiti fra il 2690 e il 2600 a.C. e costituiscono l’unica delle sette meraviglie del mondo antico che ancora si regge in piedi.

Si possono ovviamente visitare le Piramidi anche all’interno passando tra cunicoli strettissimi che portano alla zona centrale che era la sede del sarcofago del Faraone e di tutte le sue ricchezze.

Ora, sia i tesori del Faraone, sia il sarcofago con la mummia non ci sono più e gli egittologi si interrogano se questi reperti possano essere stati trafugati oppure se si trovino in una stanza segreta che hanno individuato di recente.
Il modo migliore per visitare la Necropoli è quello di utilizzare una guida che sarà in grado di dare qualsiasi spiegazione venga richiesta.

Il museo egizio e piazza Tahrir

Nel secondo giorno di visita al Cairo è impensabile non visitare il Museo Egizio che si presenta come un edificio modesto che però, al suo interno, ha una ricchezza incalcolabile.

Il Museo si trova a poca distanza da Piazza Tahrir famosa per essere stata teatro di numerose proteste e manifestazioni.
In esposizione nel Museo ci sono circa 136.000 oggetti in mostra e tantissimi altri sono ricoverati nei suoi magazzini.

Per visionare tutti gli elementi esposti non basterebbe una giornata di visita.

I pezzi più pregiati riguardano la collezione dei reperti che sono stati trovati nella tomba di Tutankhamon nella Valle dei Re, in queste stanze si possono ammirare gioielli, oro e maschere luccicanti da togliere il fiato.

C’è poi la sala delle mummie che contiene una selezione di re e regine del Nuovo Regno di cui però si può vedere solo il viso.

Altre attrazioni

La Torre de Il Cairo è alta 187 metri ed è stata per anni il monumento più alto dell’Africa fino alla costruzione della Hillbrow Tower in Sudafrica.

Dopo le Piramidi è la struttura più famosa d’Egitto e si trova nell’isola di Gezira sul Nilo, vicino al centro del Cairo.
Se si sale fino in cima alla Torre, nella quale c’è però l’ascensore, si può godere di una vista spettacolare da immortalare.

Caratteristica della Torre è il ristorante situato a circa tre quarti dell’altezza che ha la particolarità di ruotare, per cui mentre si sta pranzando, si può godere di una vista a 360°.

La Moschea di Alabastro venne fatta costruire da Muhammad Ali Pasha in memoria del figlio Tusun Pasha morto prematuramente.
La sua struttura ricorda la moschea di santa Sofia a Istanbul.

L’interno è meraviglioso, soffitti dipinti ad arte, pavimenti rivestiti di tappeti rossi e lampadari di diverse dimensioni di cui uno che pesa due tonnellate.
Importante e da non dimenticare è togliersi le scarpe prima di entrare nella zona sacra.

Il Quartiere Copto è la zona antica della città ed è racchiusa dentro le mura della fortezza romana di Babilonia, qui vivevano i cristiani ortodossi quando l’Egitto venne conquistato dagli arabi.

Sembra inoltre che in questo quartiere abbiano soggiornato Maria, Giuseppe e Gesù mentre erano esiliati nella capitale.

Abbiamo visitato i luoghi più significativi ma, anche se non si è visto tutto, i luoghi visti rimarranno un ottimo ricordo della visita al Cairo.

© Riproduzione riservata
Leggi anche