Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Cosa vedere a Helsinki in due giorni: scopriamo la Finlandia

cosa vedere a helsinki in due giorni

Helsinki, la città dei due centri.

Visitare la capitale della Finlandia è una tappa obbligata per chi si dirige alla scoperta dei paesi nordici e, grazie alla modesta estensione di Helsinki, questo è un compito più che possibile.
Possiamo innanzitutto affermare il fatto che la città presenta metaforicamente, due centri. Il primo è rappresentato dal fulcro della vita politica, religiosa e storica di Helsinki che si svolge tra la Piazza del Senato e la Cattedrale Luterana. Il secondo centro virtuale, è quello identificato con la stazione ferroviaria che risulta essere un essenziale snodo per andare in ogni luogo, anche perché è la base di autobus e tram pubblici.
Scopriamo cosa vedere a Helsinki in due giorni

Cosa vedere a Helsinki in due giorni

1°giorno: Helsinki

La nostra base di partenza dista una decina di minuti a piedi dalla stazione e, pur essendo decentrata rispetto alle altre attrazioni che visiteremo dopo, è un luogo talmente interessante e meritevole di essere conosciuto. Si tratta della Chiesa nella Roccia, ossia la Temppeliaukion Kirkko, una chiesa luterana interamente scavata nella roccia.

Possiamo assicurarvi che davvero è un bel vedere.

Rientrati dalle parti della stazione, imboccate la Keskukatu che vi porta all’Atenum che può risultare una meta interessante, altrimenti continuate sulla Alexandersgatan fino a che questa strada non diventa la Aleksanterinkatu: una via densa di negozi dedicati al design tra i quali quello noto di Marimekko.

Alla fine della strada siete giunti in piazza del Senato, ossia la Senaatintori che è anche il punto più importante della città. Parliamo di una estesa piazza dominata dalla cattedrale Tuomiokirkko. Anche se i suoi interni appaiono severi e scarni, questa chiesa luterana emana un suo fascino.

Su piazza del Senato trovate anche il Globe Hope, un negozio divenuto famoso per la sua politica del riuso e del riciclo e, il noto ristorante Ravintola Savotta dove poter degustare le specialità della gastronomia finlandese e dove potete fermarvi per il pranzo.

Proseguendo per la Aleksanterinkatu giungerete alla seconda cattedrale della città, l’ortodossa Uspenski, ma solo dopo aver attraversato il ponte dei lucchetti.

La chiesa, riconoscibile da un prepotente color mattone, è la chiesa di rito ortodossa più grande dell’Europa nordoccidentale.

Non troppo lontano si trova il molo e il mercato Kuappatori che vi suggeriamo di visitare per i prodotti artigianali che potete trovare, prima di raggiungere l’interessante mercato coperto di Old Market Hall.

Ritornando indietro in direzione Kuappatori si trovano due arterie importanti di Helsinki: la Etelaesplanadi e la Pohjoisesplanadi dove, nelle sue vicinanze, c’è Fazer, una grandissima pasticceria e cioccolateria molto invitante.
Per gli appassionati di shopping, Stockman è il giusto suggerimento per curiosare tra le tantissime proposte.

2°giorno: Helsinki

Durante questo secondo giorno, suggeriamo di visitare Suomenlinna che potete raggiungere in un quarto d’ora imbarcandovi su di un traghetto che salpa dal molo vicino al mercato Kuappatori.

Considerate almeno tre ore per visitarla o qualcosa di più se volete conoscere anche il suo museo.

Nel pomeriggio, laddove non l’aveste già visitato, il museo di arti visive di Aternum è sicuramente una meta da non perdere o, in alternativa, fare una escursione all’isola di Seurasaari per immergervi completamente all’interno di un ambiente naturale e selvaggio.

Se avete dei bambini al seguito, la destinazione ideale è il museo Heureka (lo si raggiunge prendendo un treno dalla stazione centrale e scendere alla fermata Tikkurilan Asema) dove l’interazione gioco e conoscenza, sarà capace di attirare l’attenzione dei più piccoli.

Visitare Helsinki, come abbiamo visto, è cosa facile ma estremamente interessante così come è affascinante immergersi in una cultura molto differente dalla nostra per conoscerne le sue peculiarità.

© Riproduzione riservata
Leggi anche