Etosha National Park: guida al safari

La guida al safari all'interno dell'Etosha National Park in Namibia.

L’Etosha National Park è il luogo ideale per vivere un avventuroso safari. Tanti luoghi immersi nella natura e nei paesaggi tipici della Namibia da esplorare. Scopriamo, quindi, tutte le informazioni da conoscere prima di partire per l’avventura.

Etosha National Park: il safari

A nord della Namibia, nell’Africa Centrale, si estende l’Etosha National Park. Il parco nazionale misura una superficie di ben 22.900 km². Infatti, il nome Etosha significa proprio grande luogo bianco. Il nome fa, inoltre, riferimento al colore del suolo del deserto salino, che costituisce un quarto dell’area dell’intero parco.

Fondato nel 1907, all’epoca il parco era la più grande riserva faunistica del mondo. Tuttavia, negli anni sessanta venne progressivamente ridimensionato, raggiungendo l’attuale estensione.

Advertisements

Il cuore del parco è costituita dall’Etosha Pan, una depressione salina di 5000 km². Si ritiene che fino a circa 12 milioni di anni fa quest’area fosse un lago poco profondo, alimentato dal fiume Cunene. Questo, tuttavia, mutando il proprio corso, rese la zona un semi-deserto.

Durante l’anno, però, la sua conformazione cambia notevolmente. Infatti, nella stagione delle piogge il Pan viene alluvionato dai fiumi Ekuma, Oshigambo e Omuramba Ovambo.

Invece, durante la stagione secca, il Pan torna ad assumere le caratteristiche di un deserto.

Migliori Safari al mondo: la classifica

Quando partire per il safari

Per partire all’avventura bisogna scegliere il miglior periodo. I mesi migliori per visitare il Parco sono sicuramente quelli dell’inverno in Namibia, ovvero nel periodo che va da maggio a settembre.

In questi periodi, infatti, il clima è più temperato e non vi è il problema delle piogge.

Invece, chi desidera accedere al parco dovrà prenotare in anticipo per più motivi. Infatti, il periodo è considerato di alta stagione e i prezzi sono alti e i lodge/camp non sono molti.

Prezzi d’ingresso

Per entrare all’interno del parco è necessario acquistare il biglietto d’ingresso. Vi è, infatti, l’obbligo di registrarsi presso la reception di uno dei gate, quattro in totale, che favoriscono l’accesso in base alla zona in cui ci si trova.

Alla reception si paga il ticket d’ingresso al Parco, in NAD ovvero dollari namibiani.

I prezzi sono di 80 Nad (circa 4,60 euro) per gli adulti stranieri, e da 10 a 300 Nad per i veicoli. Invece, i bambini al di sotto dei 16 anni entrano gratuitamente.

Gli ingressi, come dicevamo, sono quattro. L’Anderson’s Gate è situato a sud del Parco e può essere raggiunto grazie alla strada C38 via Outjo. Il più vicino camp è l’Okaukuejo. Il Lindequist Gate è situato ad est del Parco e collegato grazie alla strada B1. Il Galton Gate è situato a sud-ovest del Parco. Infine, il King Nehale Lya Mpingana Gate si trova a nord del Parco e a 48km dalla strada principale per Ondangwa.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Londra: la statua di Harry Potter come regalo ai potterhead

Parco naturale regionale del Beigua: viaggio in Liguria

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.