Isola di Capraia: cosa fare e vedere in primavera

Isola di Capraia è un vero e proprio luogo di fuga circondato da bellezza: cosa fare e vedere

L’Isola di Capraia è un’isola di origine vulcanica dell’arcipelago toscano situato nel canale della Corsica.
Se state pensando di partire per Capraia consigliamo di consultare expedia o volagratis per le migliori offerte sui voli, invece per i migliori hotel e B&B consigliamo di dare un occhio a booking

Isola di Capraia: la bellezza che ti circonda

Capraia è l’isola delle sensazioni. Per comprendere la vera natura dell’isola è necessario percorrerla a piedi, in modo da percepire tutto in maniera più amplificata e immediata: la luce, i colori, gli odori, le sensazioni. Nascendo da due camini vulcanici, cattura lo sguardo con le sue rocce rosse, svelando una ad una le antiche eruzioni. È un vero e proprio laboratorio botanico a cielo aperto, grazie alla presenza delle 650 specie vegetali censite, ma non solo: la folta vegetazione è casa per tantissimi volatili stanziali e migratori e, il mare ricco e popoloso che la circonda, ospita affascinanti specie marine come i marangoni dal ciuffo, balenottere e stenelle.

Advertisements

Un paradiso, quindi, per gli amanti del birdwatching, dei velisti e dei sub, che tra gli anfratti rocciosi è possibile ammirare grandi cernie, dentici, ricciole e maestose spugne.

Capraia

Camminare in primavera

La Primavera è il tempo del risveglio della natura e della comunità isolana e la parola d’ordine è camminare. Per far scoprire agli ospiti la bellissima natura che la compone e per dar maggior rilievo al tema della conservazione ambientale, anche quest’anno è stato organizzato il Walking Festival, che propone suggestive escursioni trekking non solo nell’Isola di Capraia, ma in tutte le isole dell’Arcipelago Toscano. Capraia in primavera è un profumo di macchia mediterranea.

Il Festival 2019 in primavera si tiene dal 22 marzo al 26 maggio, con numerose attività, suggestive escursioni, trekking ed eventi per fa riflettere sull’importanza dei percorsi capraiesi.

isola-di-capraia-2

I prossimi appuntamenti

Domenica 28 Aprile, ad esempio, in occasione della Giornata Internazionale per la salvaguardia delle Rane i visitatori potranno fare un’escursione alla scoperta del laghetto dello Stagnone. Si tratta di uno specchio d’acqua incastonato fra i rilievi di Monte Forcone e Monte Rucitello a 318 metri di altitudine. Si tratta dell’unico stagno naturale dell’Arcipelago Toscano e habitat di fondamentale importanza.

L’escursione da Torre delle Barbici è organizzata per Domenica 5 Maggio e segue il percorso dal Porto Vecchio nei pressi degli edifici carcerari immersi nei profumi della macchia mediterranea. Uno splendido panorama costiero, fino alla Torre delle Barbici e a Punta della Teja.

La maggior parte delle escursioni organizzate durante la manifestazione sono gratuite, in caso di eventuali quote di partecipazione sono indicate e la prenotazione è obbligatoria entro le ore 18:00 del giorno precedente. Gli orari per la stagione primaverile ed estiva è da lunedì al sabato, domenica e festivi dalle ore 9:00 alle ore 19:00.

Scritto da Alice Sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Baviera, cosa fare e vedere nello stato tedesco

Viaggi pericolosi: le mete da evitare nel 2019

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media