Notizie.it logo

Madagascar cosa fare la sera: i nostri consigli

madagascar cosa fare la sera

Madagascar, un luogo da scoprire, anche di sera.

Siete arrivati in Madagascar, e il vostro itinerario ben pianificato vi promette un’indimenticabile esperienza nell’isola più grande del continente africano.
Una volta stabilito che è meglio evitare i viaggi notturni, motivo: la scarsa illuminazione delle strade e le pessime condizioni in cui vertono le stesse e sapendo che la vostra personalità da spirito libero non vi permette andare a letto con le galline o passare la serata in una camera d’albergo guardando video musicali, la domanda sorge spontanea: Cosa fare la sera in Madagascar? Quali distrazioni o attrazioni offre la vita notturna molgascia? Vediamo quali sono alcune opzioni da prendere in considerazione.

Madagascar cosa fare la sera

Antananarivo riflette l’immagine del Madagascar: un paese prevalentemente rurale. Campi di riso, zone boscose, villaggi sperduti in ogni angolo del paese…Ebbene, la capitale non inverte particolarmente questa tendenza. Il tragitto dall’aeroporto alla città mette subito in chiaro le cose: ad aspettarci non ci sarà di certo una metropoli ricca di attrazioni turistiche e vita notturna in ogni angolo della città.

Le piantagioni di riso si susseguono fino a ritrovarsi negli ingorghi del traffico cittadino.

Quindi dimentichiamo l’idea che Antananarivo possa occupare quanto meno gli ultimi posti di un qualsivoglia ranking delle città del mondo con la vita notturna più affascinante.

Ciò nonostante, non disperate! Le vostre serate non sono del tutto perdute. Una semplice passeggiata nel centro della città può rappresentare un passatempo gradevole al quale sottoporsi per le personalità più tranquille. ùNon mancano alternative interessanti e più movimentate, inoltre l’eredità coloniale francese ha lasciato alla città posti caratteristici molto carini per godersi una piacevole serata in compagnia, dalle terrazze dove sorseggiare una bevanda tipica godendo della brezza serale a locali più sofisticati e movimentati dove non mancano attività alle quali dedicarsi; di seguito ne elenchiamo alcuni.

Tana City Centre

Di notte il centro di Tana, così come la gente del posto soprannomina la capitale malgascia, si trasforma in una zona festosa con molti ristoranti, casinò e bar che offrono piatti tipici succulenti inseriti in una cornice urbana incantevole che richiama lo stile coloniale francese.

Situato nel cuore di Antananarivo, l’Hotel de Avenue-tana City Center offre camere e suite moderne, un hotel-ristorante chiamato Le Point d’Exclamation Lounge Bar (Il punto esclamativo), dispone di una sala di proiezione, un casinò, così come di un ristorante, ”The Point Express ”, che si affaccia sui portici di Independence Avenue.

L’hotel si trova a 5 minuti a piedi dal mercato Analakely, situato nell’omonimo quartiere storico, centro culturale e ricreativo della capitale.

Un posto magnifico, accogliente e di buon gusto dove godersi un momento di relax. Un posto magnifico e situato nel cuore della città con i migliori servizi, attività e svaghi.
Le Point d’Exclamation Lounge Bar è il posto ideale per passare una serata piacevole e rilassante con la famiglia e gli amici.

Dreams Karaoke Sports Bar Billard

Per gli amanti dello sport e del karaoke, il Dreams Karaoke Sports Bar Billard è sicuramente quello che fa per voi. Un primo spazio consiste in una sala biliardo con 6 tavoli, disponibile con tariffa a ore ad un prezzo molto ragionevole.

C’è anche un bar, se vi venisse voglia di sorseggiare un cocktail o un liquore locale tra una partita e l’altra. Accanto al bar si trova l’area Karaoke, sempre pieno. In entrambe le parti del locale è possibile richiedere del cibo.

Gli orari di apertura sono praticamente a notte inoltrata: 2 del mattino da domenica a giovedì, 3 del mattino venerdì e sabato.

Certo, l’obiettivo di un viaggio in Madagascar non è certo quello di chiudersi in un locale notturno o di restare tutto il tempo in città, tuttavia i consigli summenzionati potranno arricchire la vostra esperienza nel paese dei baobab.

© Riproduzione riservata
Leggi anche