Notizie.it logo

Mauritius cosa vedere con bambini, le nostre idee

mauritius cosa vedere con bambini

Mauritius, dai parchi alle spiagge, passando per zone "misteriose" e colorate, un vero sogno.

L’isola di Mauritius è il luogo ideale per trascorrere una bellissima vacanza con i propri bambini. Abbracciato da candide spiagge di bianchissima e finissima sabbia, circondato da splendide lagune dall’acqua color turchese e caratterizzato da una ricchissima vegetazione, questo paradiso terrestre dolcemente adagiato nell’Oceano Indiano a sud est dell’Africa e da sempre crocevia di popoli e culture diverse, è la meta ideale per le famiglie. Immensi parchi naturali, specie animali ultra-centenarie, un mare a dir poco splendido pieno di pesci variopinti, sono solo alcune delle attrazioni che lasceranno a bocca aperta grandi e piccini.

Mauritius cosa vedere con bambini

Spiaggia e mare

L’isola di Mauritius, di origine vulcanica, con la sua natura in parte ancora selvaggia si contraddistingue per le verdeggianti vette, il mare cristallino con tonalità dal turchese al blu cobalto, adattissimo anche ai più piccoli, e per gli oltre 300 km di spiaggia in gran parte circondata dalla barriera corallina.

Le zone più belle nelle quali portare i bambini, sono l’area di Grand Baie a nord dell’isola e la riserva marina di Blue Bay a sud.

Un’esperienza indimenticabile per i piccoli e i loro genitori è poi l’esplorazione del sorprendente mondo sottomarino di Mauritius: ad esempio, si possono prenotare delle gite su barche super speciali caratterizzate dal fondo realizzato in vetro che permette di ammirare i coloratissimi fondali marini dell’isola.

Volendo, inoltre, i bimbi più grandi potranno indossare maschera e pinne e provare l’ebrezza dello snorkeling, nuotando in mezzo ai tanti pesci tropicali che popolano questo tratto dell’Oceano Indiano.

Molto spesso, per la gioia dei bambini, durante i tour ci si imbatte poi in veri e propri branchi di delfini che giocano tra di loro.

Giornalmente vengono anche organizzate escursioni in piroghe, motoscafi e catamarani, verso l’Ile aux Cerfs, l’isola dei Cervi, un tesoro custodito in prossimità della costa orientale, con un mare ricco di stelle marine e pesci colorati.

I parchi naturalistici

Una vacanza all’isola di Mauritius con i bambini non può prescindere da una visita ai suoi meravigliosi parchi naturali.

Famosissime in tutto il mondo sono le sette terre colorate di Chamarel: si trovano sul lato sud occidentale di Mauritius e sono capaci di offrire ai bimbi una vera magia. Dinanzi ai loro occhi si riveleranno queste strabilianti dune di sabbia striate di blu, verde, marrone, rosso, azzurro, viola, giallo, la cui origine è ancora avvolta nel mistero.

Se i bambini proveranno poi a mescolare i sette colori avverrà un gioco di prestigio: dopo pochi minuti si divideranno di nuovo.

Pare che il fenomeno sia attribuibile alle rocce vulcaniche dalle quali le sabbie arrivano, in seguito ad un processo di raffreddamento avvenuto a varie temperature (nel Vallée des Couleurs Nature Park, c’è un museo geologico dove si possono apprendere tante cose interessanti al riguardo e che espone non solo straordinari reperti, ma anche modelli in 3D interattivi e mappe illustrate che aiuteranno i bambini ad apprendere divertendosi).

Altro parco naturalistico che i bambini saranno sicuramente super entusiasti di visitare, è La Vanille nature park, situato a sud dell’isola: qui infatti si troveranno a tu per tu con centenarie e bonarie tartarughe giganti, alle quali potranno anche dar da mangiare, e potrebbero perfino avvistare i coccodrilli.

Molto adatti alle famiglie con bambini sono poi i safari del Casela World of Adventures: immersi in una vera foresta tropicale i bimbi potranno partire alla scoperta di rinoceronti, giraffe, leoni a bordo di jeep, segway o quad in totale sicurezza e guidati dal personale altamente specializzato del parco.

Altra meta naturalistica super gettonata sono le famose cascate di Tamarind, una “valanga” d’acqua che si getta da un’altezza da brivido in mezzo ad una natura rigogliosa.

Le Zip-line

Per i bambini un po’ più grandicelli e impavidi come Indiana Jones, non c’è niente di meglio che “volare” sopra la foresta della Vallée des Couleurs attaccati a delle funi con delle carrucole: ci sono zip-line di varia lunghezza, altezza e velocità.

L’isola di Mauritius presenta infatti le zip-line più straordinarie e lunghe dell’Oceano Indiano.

Piantagioni della dolcezza

Dulcis in fundo, all’isola di Mauritius i bambini, e i loro genitori, possono avventurarsi tra le rinomate piantagioni locali nelle quali da sempre si coltivano dolcezze come lo zucchero e la vaniglia, ed anche il tè.

A tal proposito molto ben ideato è il museo interattivi l’Aventure du Sucre dove viene ripercorsa tutta la storia della coltivazione dello zucchero che si intreccia con quella mauriziana.

Piacerà sicuramente ai bambini inoltre visitare la fabbrica di Bois Cheri, dove si può assistere a tutte le fasi della lavorazione del tè a partire dalla raccolta nei campi fino al confezionamento delle classiche bustine, e degustare tutte le invitanti varianti prodotte nella fabbrica.

Ballare la Sega

Per i piccoli ballerini c’è poi la Sega, una divertente danza tradizionale inserita addirittura tra i patrimoni culturali dell’Unesco.

A Mauritius si organizzano tanti corsi per impararla con gli artisti vestiti con i coloratissimi costumi a fiori tipici di questo ballo.

Dove soggiornare

Qualsiasi soluzione si scelga, resort di lusso o hotel medi o piccoli, l’isola di Mauritius mette a disposizione delle famiglie con bambini un ambiente confortevole e in grado di soddisfare ogni esigenza. In quai tutti i resort poi ci sono i kids club destinati ai piccoli ospiti che propongono tante divertenti attività a misura di bambino.

Quando partire

Il clima a Mauritius è mite tutto l’anno: trovandosi nell’emisfero australe, rispetto all’Italia le stagioni sono invertite; i periodi migliori per una vacanza sull’isola con i bambini sono quelli compresi tra aprile e giugno e tra settembre e dicembre.

Per quanto riguarda il fuso orario, i bimbi non ne risentiranno troppo perché il jet lag nella stagione estiva è di sole 2 ore (3 in quella invernale).

Dall’Italia in media in aereo ci si impiega 10 ore e come documento serve il passaporto. Per spostarsi sull’isola con i bambini si possono noleggiare auto, bici o scooter (Mauritius non è molto grande e ci si muove agevolmente); l’unica cosa da ricordare è che la guida è a destra.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche