Pasqua 2021, si può andare all’estero? Tutte le regole da seguire

Saranno consentiti i viaggi all'estero per turismo per la imminente Pasqua 2021: dove si potrà andare e quali sono le regole per il rientro? Scopriamolo.

Nonostante l’Italia sia quasi tutta in zona rossa o zona arancione e sia, quindi, impossibile spostarsi tra Regioni, a Pasqua 2021 è ormai ufficiale la notizia che sono consentiti i viaggi all’estero, anche per turismo. In verità, questa non è del tutto una notizia nuova, in quanto già da giugno 2020 è possibile imbarcarsi verso alcune mete straniere, poichè i Paesi europei hanno riaperto i confini, a seguito di mesi di lockdown estramamente duri.

Importante da sottolineare è che questo spostamento può essere effettuato anche da chi si trova in zona rossa.

Pasqua 2021, si può andare all’estero?

È un vero e proprio paradosso, a dire la verità: non ci si può spostare da una Regione all’altra, bensì chi si trova in zona rossa può scegliere di andare all’estero per festeggiare lì la Pasqua imminente. Per recarsi all’aereoporto è necessario, però, munirsi di autocertificazione.

Advertisements

Ricordiamo, tuttavia, chei viaggi per turismo in Italia erano sostanzialmente vietati dall’inverno scorso.

Molti, infatti, si sono lamentati di questa decisione: sulla faccenda si è espressa Astoi Confindustria Viaggi, ossia lAssociazione che rappresenta oltre il 90% del mercato del Tour Operating in Italia: “non c’era chiarezza su come la normativa che consente di recarsi liberamente in un Paese dell’area UE/Schengen potesse conciliarsi con le misure restrittive adottate sul territorio nazionale in base alle fasce di rischio“.

Dunque, si viaggia, ma con la consapevolezza di alcune importanti regole: tampone obbligatorio all’andata e al ritorno e probabile quarantena al rientro.

Ma dove possono recarsi gli italiani? E cosa bisogna fare al rientro?

I Paesi dove si può viaggiare

Attualmente per quanto concerne gli spostamenti da/per l’estero sono regolati dal Dpcm del 2 marzo 2021, in vigore fino al 6 aprile 2021.

Tale Dpcm divide in cinque elenchi, ossia A, B, C, D, E, i Paesi in cui è possibile viaggiare.

La divisione è stata effettuata in base al rischio epidemiologico e agli obblighi da rispettare al rientro in Italia.

Partiamo dai viaggi all’estero per turismo senza limitazioni: sono consentiti verso San Marino e Città del Vaticano, che rientrano, dunque, nell’elenco A.

Al momento, invece, nessun Paese rientra nei parametri per viaggiare all’estero per turismo da/per i Paesi dell’elenco B, i quali sono quelli che vengono considerati a basso rischio epidemiologico.

Puntiamo ora l’attenzione sugli spostamenti da/per gli stati dell’elenco C: sono consentiti senza necessità di motivazione. Quindi anche per turismo.

Di seguito ecco i Paesi che rintrano nell’elenco C:

  • Austria
  • Belgio
  • Bulgaria
  • Cipro
  • Croazia
  • Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia)
  • Estonia
  • Finlandia
  • Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo)
  • Germania
  • Grecia
  • Irlanda
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Malta
  • Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo)
  • Polonia
  • Portogallo (incluse Azzorre e Madeira)
  • Repubblica Ceca
  • Romania
  • Slovacchia
  • Sloveni
  • Spagna (inclusi territori nel continente africano)
  • Svezia
  • Ungheria
  • Islanda
  • Norvegia
  • Liechtenstein
  • Svizzera
  • Andorra
  • Principato di Monaco

Mentre, tra i Paesi che attualmente figurano nell’Elenco D troviamo:

  • Australia
  • Nuova Zelanda
  • Repubblica di Corea
  • Ruanda
  • Singapore
  • Thailandia.

Per cui, tutti gli Stati che non compaiono nei precedenti elenchi non rientrano nel gruppo E, dove troviamo i territori ritenuti a maggior rischio. Ad esempio, non si può andare, se non per motivi di lavoro, salute o rientro presso il proprio domicilio, nel Regno Unito, in Brasile e in Giappone.

Per deroghe particolari, si consiglia di consultare la pagina dedicata sul sito della Farnesina Viaggiaresicuri.it.

Come capire dove andare e come comportarsi al rientro?

Conosciuti i Paesi verso i quali ci può recare, è ovviamente anche necessario informarsi, prima di mettersi in viaggio per la vacanza, sulle norme in vigore nel Paese di destinazione, in modo da essere a conoscenza di eventuali musei o ristoranti chiusi o del coprifuoco che vige in quel determinato Paese.

A questo punto la domanda sorge spontanea: gli italiani come dovranno comportarsi quando rientreranno da questi eventuali viaggi?

É notizia di poche ore fa la nuova ordinanza del Ministro della Salute, Roberto Speranza: sarà quarantena e tampone anche per chi rientra da paesi Ue. Nello specifico per arrivi e rientri da Paesi dell’Unione Europea, bisognerà fare il tampone in partenza, la quarantena di 5 giorni e ulteriore tampone alla fine dei 5 giorni. La quarantena era già prevista per tutti i Paesi extra Ue.

Scritto da Veronica Ortolano
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il sogno estivo delle isole Covid free dalla Grecia alla Sardegna

Il nido gigante nella Val Sarmassa: la natura celebra il vino

Leggi anche
  • zurigoZurigo, 6 motivi per sceglierla come meta per le vacanze

    Zurigo è una città molto ricca di cosa da vedere e da fare, quali sono le 6 principali

  • Week end centro benessere TrentinoWeek end centro benessere Trentino
  • Week end centro benessere MarcheWeek end centro benessere Marche
  • 
    Loading...
  • Week end centro benessere LiguriaWeek end centro benessere Liguria
  • Volo in mongolfiera in PiemonteVolo in mongolfiera in Piemonte: prezzi e informazioni

    Volo in mongolfiera in Piemonte: una guida per capire quando partire e i costi.

Contents.media