Il nido gigante nella Val Sarmassa: la natura celebra il vino

Arriva un nuovo nido gigante nella Val Sarmassa lungo il Sentiero dei Nidi per celebrare la Barbera.

Lungo il Sentiero dei Nidi della Val Sarmassa, in Piemonte, spunta un nuovo nido gigante, un’opera che vuole celebrare le eccellenze enogastronomiche della regione, come la Barbera. Ma dove si trova e come si raggiunge? Tutte le curiosità e le informazioni per visitarlo.

Il nido gigante nella Val Sarmassa

Le più belle attrazioni e installazioni in mezzo alla natura non possono che avere la natura stessa come protagonista, come nel caso del nido gigante situato lungo il Sentiero dei Nidi.

Ci troviamo in Piemonte, all’interno della Riserva Naturale della Val Sarmassa nella provincia di Asti, tra i comuni di Vinchio e Vaglio Serra.

Passeggiando nella natura, gli escursionisti potranno incontrare lungo il cammino un enorme nido realizzato intrecciando a mano rami di salici.

Advertisements

Un’opera, quindi, che si fonde alla perfezione con l’ambiente circostante caratterizzato da alti alberi.

L’opera realizzata è dedicata al vino Barbera, uno dei vini tipici del Piemonte e apprezzato sulle tavole internazionali. Un’opera che, insieme alle tre già presenti lungo il sentiero, rappresenta la volontà di proteggere il territorio e le tradizioni, mantenendo lo sguardo rivolto al futuro. Un simbolo dell’accoglienza familiare che l’azienda Barbera da sempre riserva ai suoi clienti.

Val Sarmassa

Dove si trova

Il nido, rinominato Il Nido della Barbera, è stato realizzato dai professionisti di Anostomodo.com. L’installazione va, così, ad aggiungersi al percorso naturalistico “I nidi di Vinchio e Vaglio Serra” inaugurato nel 2019.

Parliamo di un omaggio sia al territorio che al suo vitigno principe, che rispecchia i principi di sostenibilità e di comunione con la natura.

Il percorso entro il quale si trova il Nido della Barbera si snoda per una lunghezza di circa 1 chilometro e conta tre aree di sosta, i cosiddetti “nidi”. Questi sono: Nido di Vaglio, Nido del presidente, Nido di Vinchio, a cui si aggiunge l’ultimo arrivato.

Si tratta di strutture ideali per un godersi un picnic in mezzo alla natura o per prendere una pausa dal cammino e ammirare la bellezza della natura circostante. I nidi, inoltre, proteggono i tavoli da picnic dal troppo sole e dal vento mantenendo, però, le giuste aperture che consentono di godere dello splendido paesaggio circostante in un’atmosfera familiare e raccolta.

La forma richiama alla memoria l’illustre figura di Davide Lajolo, scrittore, politico e giornalista, che amava chiamare “nido” il suo paese natale, Vinchio. E proprio a lui è dedicato l’intero percorso naturalistico immerso tra i vigneti.

Il percorso parte dalla collina soprastante la Cantina e si snoda fino ai confini della Riserva naturale della Val Sarmassa, lungo il quale sono posizionati “I Nidi”. La zona ideale per una gita fuori porta in famiglia.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pasqua 2021, si può andare all’estero? Tutte le regole da seguire

La compagnia del cigno 2 location dove è stato girato

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media