Petrinja: cosa vedere nella città croata

Cosa vedere nella città croata di Petrinja per un viaggio nel cuore della Croazia.

Nel cuore della Croazia si trova la bella cittadina di Petrinja, un interessante centro cittadino incastonato nella regione storica di Banovina, ma cosa vedere? La guida ai luoghi e ai monumenti più interessanti da scoprire nella città croata e nei suoi dintorni.

Petrinja: cosa vedere

La città di Petrinja, nella Croazia centrale, sorge vicino a Sisak, nella regione di Banovina, e appartiene alla contea di Sisak-Moslavina.

Questa particolare cittadina esprime la vera essenza più autentica della Croazia, con monumenti e architetture tipiche. Si tratta, infatti, di una città storica, con radici che affondano nell’epoca romana.

Il suo nome deriva dal latino petrus e nel greco pètra , πέτρα, che significa “pietra”. Il nome è dovuto alla sua posizione geografica, che corrisponde ad una parte dell’area di Zrinska Gora, che è molto ricca di pietra.

Uno dei luoghi più importanti e famosi di questa zona è Petrova gora, il monte di Pietro, il luogo della battaglia del 1097 sul monte Gvozd tra il re Petar Svačić di Croazia e Coloman d’ Ungheria.

Ma vediamo quali sono i luoghi più interessanti da scoprire nella città e nei dintorni.

Petrinja

Galerija Krsto Hegedušić

Tra i luoghi più interessanti da visitare troviamo la Galerija Krsto Hegedušić, una galleria d’arte di proprietà della città.

La Public Open University Hrvatski dom Petrinja è un’istituzione culturale leader fondata a Petrinja che si occupa dell’organizzazione e dell’attuazione di programmi legati alla cultura, all’arte, all’istruzione e all’educazione degli adulti. All’interno del museo vi sono la Galleria “Krsto Hegedušić” e il Centro di consulenza per bambini, adolescenti e famiglie, il Petrinjčica Folklore Ensemble e il Petrinja Wind Ensemble.

La fortezza di Sisak

La vicina città di Sisak è una destinazione imperdibile per un viaggio nella storia della Croazia. Situata alla confluenza dei fiumi Kupa e Sava, la città vanta monumenti di grande importanza, come la sua fortezza.

L’antica struttura sorge nel cuore della città vecchia, la cui costruzione iniziò nel 1544. Nel 1550 la fortezza era pronta per l’uso di base. Per la costruzione è stato utilizzato il materiale edilizio dei ruderi della Siscia romana. Il forte fu assediato tre volte dal leader militare ottomano Hasan Pasha Predojevic, solo per subire una sconfitta finale il 22 giugno 1593, in una battaglia decisiva per difendere Sisak e l’intero regno croato.

La fortezza è aperta al pubblico dal martedì al venerdì dalle 12 alle 18 e il sabato e la domenica dalle 12 alle 20.

Il biglietto è gratuito per i bambini al di sotto dei 7 anni, mentre per gli adulti ha un costo di 10 kr (circa 1 euro).

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Metropolitana di Mosca: foto, storia e curiosità

Val Isarco: escursioni e attività nella natura

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media