Ponte delle mani in Vietnam: cos’è, storia

Ponte delle mani in Vietnam: cos'è, la storia e il significato.

C’è tanto da sapere sulla storia del Ponte delle mani in Vietnam. Il Golden Bridge, il “Ponte d’oro” vietnamita, anche chiamato Cau Vang, è un ponte pedonale situato nel resort delle colline di Ba Na, vicino a Đà Nẵng. La sua particolare forma attira ogni anno migliaia di turisti.

Ma qual è la sua storia?

Ponte delle mani in Vietnam: cos’è

Si tratta di uno spettacolare ponte sospeso tra le montagne del Vietnam.

La sua passerella larga permette di passeggiare comodamente, ammirando la vista mozzafiato sul paesaggio circostante.

Il ponte, adagiato tra le verdi colline Ba Na, una rinomata località di vacanza fondata dai francesi nel 1919, si trova a 1.400 metri di altitudine. La struttura si trova sulla catena montuosa Annamita, che attraversa Laos, Cambogia e Vietnam.

Advertisements

vietnam ponte mani

Storia

Il progetto della TA Landscape Architecture, con sede a Ho Chi Minh, per collegare la funivia ai giardini del resort, ha aperto nel 1919 da colonizzatori francesi per fornire un’attrazione turistica aggiuntiva.

Il ponte presenta due mani di pietra gigantesche poste a sorreggerlo, con un aspetto vecchio e usurato, affinché sembrino antiche.

Infatti, e mani sono state costruite con un aspetto volutamente usurato e parzialmente ricoperte da vegetazione, affinché sembrino antiche ed in effetti a vederle sembra di essere di fronte ad una autentica antica rovina millenaria.

Le mani sono alte circa 24 metri, larghe circa 13 metri e ciascun dito ha un diametro di 2 metri.

L’impalcato metallico è di color giallo oro. Il Golden Bridge, secondo la stampa locale, è costato 2 miliardi di dollari, e rappresenta un progetto con lo scopo di aumentare il turismo in Vietnam.

Il ponte, poi, è stato inaugurato nel giugno 2018.

La visita

La zona delle colline Ba Na, dove si trovano la funivia dei record e l’originale ponte sorretto da mani giganti, si trova a ovest della città di Da Nang, nell’immediato entroterra del Vietnam centrale.

Una zona da visitare soprattutto all’inizio della primavera, quando è terminata la stagione delle piogge e non è arrivato ancora il soffocante caldo umido della primavera inoltrata ed estate.

Per visitare il Golden Bridge è necessario andare al complesso di Bana Hills. Dal 2018 opera la funivia numero 5 che porta dalla stazione Hoi An alla stazione Marseilles.

Il Golden Bridge è una scorciatoia che collega la stazione della funivia Marseilles alla Pagoda di Ling Ung, il giardino e completa l’intero cerchio fino al Fantasy Park.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potenza: cosa vedere in un giorno, i luoghi più importanti

Sicilia orientale: cosa vedere, spiagge e città

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.