Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Sassi di Matera: cosa vedere e quando andare

matera cosa vedere

L'incredibile città scolpita nel tufo continua a lasciare senza parole i visitatori

Matera è una delle città più antiche del mondo, dove storia, natura e cultura si fondono insieme. Questo ha dato vita a un luogo con scorci impareggiabili e un panorama da sogno. Matera è una città scolpita nel tufo che ogni anno lascia i visitatori senza parole visto il particolare e unico complesso architettonico. La città è da sempre stata abitata (ci sono tracce che risalgono fino al Paleolitico) ed è possibile ripercorrere la storia dell’uomo che si è insediato in questi luoghi. Sicuramente la città è famosa per i suoi Sassi, grazie ai quali è stata dichiarata nel 1993 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. È una città che offre sempre cose nuove ai suoi visitatori e per tutto il 2019 sarà inoltre la Capitale europea della Cultura, una vittoria importante per un territorio che molto spesso viene dimenticato. Sede di molti film, come il celebre “La Passione di Cristo” di Mel Gibson è una città tutta da scoprire.
Se state pensando di partire per Matera, consigliamo di consultare expedia per le migliori offerte sui voli, invece per i migliori hotel e B&B consigliamo di dare un occhio a booking

La città dei “Sassi”

Quando si pensa a Matera, la prima cosa che viene in mente sono i celebri Sassi, che hanno valso alla città il primato di essere diventata il primo sito del Sud Italia ad essere dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO.

Questo complesso architettonico, fatto di rocce e grotte adibite ad abitazioni, si è perfettamente adattato al contesto naturale e la rende una città da dover vedere almeno una volta nella vita. I Sassi rappresentano infatti un paesaggio unico nel loro genere che ogni anno lasciano i visitatori senza fiato. Si dividono in due quartieri principali: il Sasso Caveoso, la parte più antica che conserva l’aspetto della città rupestre e il Sasso Barisano, che oggi ospita la maggior parte dei negozi, alberghi e ristoranti. Nella zona del Sasso Caveoso da vedere sono la chiesa di San Pietro Caveoso e la “Casa-Grotta”, un classico esempio dell’architettura rupestre della città, ancora ammobiliata come un tempo.

Le cose da non perdere

Casa Noha è stata un tempo un palazzo nobiliare, per metà scavato nel tufo, e oggi è possibile venire qui per ricevere tutte le informazioni utili per visitare nel miglior modo la città di Matera. Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) ha trasformato questa casa in un centro di informazioni multimediali e questo la rende una delle prime cose da vedere appena si arriva a Matera.

Sulle pareti dell’abitazione viene anche proiettato un documentario che ripercorre tutte le fasi storiche della città, cercando di fornire informazioni più dettagliate a tutti i curiosi.

Immancabile è anche una visita alla Cattedrale di Matera, che si affaccia sul Sasso Barisiano, nella parte più alta della città. Costruita tra il 1230 e il 1270, è una grandissima chiesa in stile romantico-pugliese e nel corso degli anni la parte interna ha subito diverse trasformazioni grazie a vari lavori di ristrutturazione. Bellissimi il portale d’ingresso sormontato dalla statua della protettrice di Matera, la Madonna della Bruna e il rosone centrale. Da vedere è sicuramente il “Giudizio Universale”, un ciclo di affreschi su Inferno, Purgatorio e Paradiso che risale agli anni tra il ‘200 e il ‘300.

Sotto Piazza Vittorio Veneto si trova una grandissima cisterna, il Palombaro Lungo, di oltre 15 metri di profondità costruita nella prima metà dell’800 dall’allora Vescovo Mons.

Antonio di Macco. Il pozzo veniva utilizzato per raccogliere l’acqua da una fonte naturale che si trovava ai piedi del Castello Tramontano, così da soddisfare la richiesta sempre maggiore proveniente dalla città. Questa cisterna è nota anche con il nome di “Duomo d’acqua” perchè si tratta di un’opera di complessa ingegneria idraulica.

Altro gioiello che è possibile visitare in questo luogo è il “Parco della Murgia Materana“, considerato uno dei parchi rupestri più belli al mondo e famoso per la presenza di numerose chiese. Oltre a questo però il parco offre molto altro. È infatti sede dei villaggi di San Nicola all’Ofra, Cristo la Selva e del famoso belvedere di Murgia Timone, che è il luogo per eccellenza dove migliaia di persone scattano le loro foto dei Sassi, soprattutto di notte.

Il cineturismo

Per il suo splendido paesaggio, Matera è sempre stata sede di film e fiction televisive. Basta pensare al celebre lungometraggio del 1964 di Pierpaolo PasoliniIl Vangelo secondo Matteo“, pellicola molto controversa per pubblico e critica del tempo.

Dopo il rilancio della città iniziato nel 1993 con la tutela dell’UNESCO, molti registi hanno cominciato a guardare alla città dei Sassi come luogo perfetto dove girare i loro film. Questo ha portato un gran numero di turisti a visitare i luoghi delle loro pellicole preferite e ha trasformato Matera in un set cinematografico inusuale. Uno dei più famosi è sicuramente “La Passione di Cristo” di Mel Gibson, il controverso film che ripercorre le ultime ore di Gesù. Molte guide turistiche organizzano anche visite guidate alle location del film che rappresenta un modo diverso di visitare i Sassi. Per quanto riguarda pellicole più moderne nel 2017 è arrivata la DC Comics che ha trasformato Matera nella città delle Amazzoni Themyscira, dove cresce la piccola Diana che diventerà poi Wonder Woman. Matera è stata anche sede della celebre fiction di Rai 1 “Sorelle” con Anna Valle, Ana Caterina Morariu e Loretta Goggi. Tutti gli appassionati della serie visitano e si fanno foto davanti ai luoghi frequentati dalle “sorelle” Elena e Chiara.

© Riproduzione riservata
Leggi anche