Notizie.it logo

Shanghai cosa vedere in 4 giorni: scopriamo la città

shanghai cosa vedere in 4 giorni

A Shanghai modernità e tradizione creano un connubio perfetto.

Shanghai è una metropoli talmente ampia e variegata che per visitarla da cima a fondo occorrerebbero settimane. Questo non significa che qualora si abbia a disposizione poco tempo sia meglio optare per un’altra destinazione, anzi. Significa semmai che è necessario fare una cernita di quelle che sono le sue attrazioni principali e pianificare, così, una vacanza che permetta comunque di godere delle tante meraviglie. Non ci resta che scoprire cosa vedere in 4 giorni a Shanghai partendo alla volta di un tour che coniughi cultura, divertimento e relax.

Shanghai cosa vedere in 4 giorni

Grattacieli e modernità

Il fatto che la definiscano la New York dell’Asia la dice lunga su quanto Shanghai sia incredibilmente eclettica e ricca di sorprese. Per farsi un’idea di quanto sia caratteristica, il primo giorno di vacanza lo si potrebbe dedicare alla visita del Bund, uno scenografico viale che si estende lungo la riva sinistra del Huangpu.

La vista sullo skyline da lì è incantevole, così come affascinante è anche il vicinissimo distretto di Lujazui, che è un po’ la Wall Street di questa zona della Cina.

Il fiume può essere risalito a bordo di uno dei tanti battelli, attività che consigliamo per poter godere a pieno del panorama della città.

E se si parla di vista non si può non citare l’Oriental Pearl TV Tower, un grattacielo dalla curiosa forma di un cavatappi dall’alto del quale potrete dominare e ammirare la metropoli.

Una volta tornati coi piedi per terra consigliamo di raggiungere la zona degli YuYuan Garden, in maniera tale da poter toccare con mano i mille volti di Shanghai: lungo il tragitto ci si imbatte in quartieri ultramoderni e in zone dall’elegante stile classico, assaporando in questo modo sia l’atmosfera zen della città vecchia che quella vivacissima della nuova metropoli.

Zona degli artisti

Alla zona degli artisti, il distretto di Tianzifang, si potrebbero dedicare le prime ore del secondo giorno. Si tratta di un quartiere deliziosamente romantico e pieno zeppo di locali tipici e botteghe artigiane che dà il meglio di sé a Natale, quando le luminarie illuminano in maniera molto scenografica le sue strade.

Per farsi un’idea di come fosse Shanghai nel secolo scorso consigliamo invece di far tappa a Xintiandi, dominata da edifici in stile anni Venti e preziosa testimonianza di un passato ormai lontano ma non del tutto archiviato.

Questa zona pullula di musei e gallerie, ristoranti e boutique di ogni genere, per cui vale la pena dedicarle qualche ora.

Per lo shopping occorre spostarsi in Nanjiig Road, mentre gli appassionati delle scienze non dovrebbero assolutamente perdersi il museo di Scienza e tecnologia che si trova nei pressi della strada dei negozi.

Templi e musei

Il terzo giorno andrebbe interamente dedicato alla scoperta della gloriosa storia di Shanghai e, di conseguenza, ai magnifici templi disseminati qua e là per la città. Il più famoso è quello di Jing’an, che risulta meravigliosamente anacronistico incastonato com’è in uno scenario da terzo millennio.

Imperdibile è anche il Longhua Temple, con la sua pagoda a sette piani e le cinquecento statue d’oro che è possibile ammirare all’interno. Lascia senza fiato la stanza dedicata a Buddha, che custodisce una statua gigantesca capace di lasciare ogni turista senza parole.

Da qui dritti verso i due principali musei della città, lo Shanghai Museum e il Museum of Arts and Crafts, tappa obbligata per gli amanti dell’arte in tutte le sue forme.

Città d’acqua

L’ultimo giorno di questa splendida vacanza a Shanghai dovrà essere tassativamente dedicato a quelle che sono meglio note come le città d’acqua, vale a dire Suzhou e Zhujiajiao.

Due città che definirle caratteristiche sarebbe riduttivo, visto e considerato che sono percorse da corsi d’acqua solcati da imbarcazioni simili alle gondole di Venezia.

Lo scenario ideale per assaporare un altro po’ della vera atmosfera cinesi e ripensare a tutte le meraviglie viste nei giorni precedenti.

© Riproduzione riservata
Leggi anche