Bar nascosti di Napoli: speakeasy partenopei

Bar nascosti Napoli: dove si trovano i locali più originali di Napoli.

Quali sono i bar nascosti di Napoli? Locali dalle atmosfere suggestive e con ottimi cocktail, sale minuscole buie e invisibili, dove si entra per passaparola. Sono gli speakeasy, nati sulla falsariga di quelli nati negli anni del Proibizionismo americano, quando l’alcool era proibito e si consumava solo quello illegale di contrabbando.

Ma dove si trovano?

Bar nascosti di Napoli

Questi locali dall’atmosfera calda e fuori dal tempo ormai si possono trovare quasi in tutta Italia, da Milano a Roma, da Firenze a Messina. Il loro essere nascosti, o segreti, li rende ancora più affascinanti, e non deludono le aspettative. Vie imprecisate, password e parole d’ordine, ingressi improbabili e tanto altro c’è da aspettarsi quando si va alla ricerca degli speakeasy.

Advertisements

Dopo Londra, vediamo quali sono i bar segreti della città di Napoli.

L'antiquario

L’Antiquario

Bartender in giacca bianca, musica swing, ambiente rilassato e tranquillo. Immergiti nell’atmosfera del nuovo L’Antiquario di Napoli, il primo cocktail bar in stile Speakeasy della città.

Nascosto dietro una vetrina quasi anonima, è un locale molto elegante, dalle luci soffuse, l’ambiente intimo e i cocktail per tutti i gusto, divisi in classici, contemporanei, moderni e champagne, serviti con maestria e attenzione. Il locale si trova in Via Vannella Gaetani 2 Napoli.

All’Antiquario, ad essere “proibiti” sono il vino e la birra. Da ciò si capisce bene quale sia la filosofia alla base di questo insolito bar: un bar per i cultori del drink, della miscelazione, della coppetta refrigerata, del giusto tipo di ghiaccio e dell’elegante semplicità delle decorazioni.

Alex Frezza, il bartender napoletano, finalista del Bombay Sapphire World’s Most Imaginative Bartender 2014, prepara ogni cocktail con maestria e bravura.

Per gli amanti delle bollicine e dell’eleganza del flute, L’Antiquario offre anche una selezione di champagne sia al calice sia a bottiglia, dal Mumm Privilege al Moët & Chandon Gran Vintage 2006, dal Dom Perignon Rosè al Krug Clos d’Ambonnay del 1998.

È sicuramente uno di quei cocktail bar che rimangono impressi nella memoria già dopo la prima visita.

Nel cuore della Napoli “bene”, a due passi dal Lungomare, regala agli ospiti un’esperienza senza tempo, rilassante, ideale per sorseggiare un ottimo drink dopo una lunga giornata. Ad amplificare l’atmosfera elegante e confidenziale da speakeasy non manca una splendida selezione musicale, con esibizioni live per il mercoledì sera.

Un bar da non perdere, per il servizio impeccabile e, soprattutto, per la qualità del bere miscelato.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dove mangiare a Taormina: i migliori ristoranti

Abbazia di Mont Saint Michel: come arrivare, biglietti e orari

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media