Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Bruges vita notturna: cosa fare a cena e dopo cena

Bruges vita notturna: cosa fare a cena e dopo cena

Dall'aperitivo al dopocena, a Bruges c'è sempre qualcosa di nuovo da provare. Una miniguida ai locali più cool della città.

Bruges è una città di rara bellezza. Un polo vivacissimo dal punto di vista culturale, imprenditoriale ed anche artistico. Spesso meta di giovani che aspirano a sbarcare il lunario, il capoluogo belga vanta anche una movida notturna da fare impallidire metropoli ben più affollate. Un luogo che varrebbe la pena visitare, quindi, almeno una volta nella vita. Non fosse altro per gustare un buon cocktail mentre si ammira uno dei tanti scorci che questo angolo di paradiso è capace di offrire.

Dove cenare a Bruges

Non è certo un caso che Bruges sia stata recentemente proclamata capitale gastronomica delle Fiandre. È, semmai, la prova inconfutabile del fatto che in questo piccolo angolo di paradiso si mangia divinamente bene. Di ristoranti carinissimi in cui cenare ce ne sono a bizzeffe. Alcuni sono più tradizionali, altri puntano tutto sulla sperimentazione. Altri ancora mescolano entrambe le cose, sfornando piatti da sogno.

In centro c’è un’alta concentrazione di locali aperti da chef stellati di fama internazionale, che stupiscono i clienti con piatti della tradizione rivisitati in chiave avanguardista.

È il caso, ad esempio, dell’Hertog Jan di Gert Mangeleer, un 3 stelle dove si cucina in base a quello che regala l’orto. Il Tête Pressée propone invece una cucina innovativa, esattamente come fa il De Karmeliet.

Si tratta di ristoranti moderni sia a livello di location che di proposta culinaria, ma nelle cui cucine si rispetta comunque la tradizione belga. Da provare assolutamente, dunque, non fosse altro per gustare i piatti tipici del Belgio, così osannati in tutto il mondo. D’altronde, si sa, gustare i piatti tipici è il modo migliore per calarsi a 360 gradi nella realtà del posto che si visita.

Aperitivi e apericena

In una città che non dorme mai, come appunto Bruges, l’ora dell’happy hour rappresenta solo l’inizio di una lunga serata all’insegna della movida più sfrenata. Scordatevi gli aperitivi a base di noccioline e patatine: in Belgio il momento che precede la cena è una cosa seria.

Un momento da organizzare e da assaporare in tutto e per tutto, in compagnia di un gruppo di amici o insieme al proprio partner.

Tant’è che, più che un aperitivo, è una vera e propria apericena che sazia con pochi euro. Mitico quello del De Garre, che si trova nell’omonima via nel centro del capoluogo belga. I suoi taglieri a base di prosciutto e formaggio sono famosi tanto quanto l’ampio assortimento di birre.

Ce ne sono sia alla spina che in bottiglia, sia locali che di fama internazionale. L’apericena in salsa spagnola, rigorosamente a suon di tapas, si fa al Bar Salon, un locale caratteristico e molto cool, sempre pieno di giovani. La formula funziona: piace, e molto, la possibilità di spiluccare qua e là e di provare più d’una pietanza.

Fa sempre parlare di sé anche l’aperitivo del Groot Vlaenderen, che al di là del buffet di stuzzichini salati ha un’arma in più.

Fa dei cocktail da urlo, provare per credere. Alcuni hanno dei colori strabilianti e dei sapori ancor più esaltanti.

Si sorseggiano vini bianchi e rossi accompagnati da taglieri misti, infine, al Wijnbar Est. Un bar minuscolo ma graziosissimo, dove si fa baldoria ascoltando i gruppi jazz che suonano dal vivo. Un piccolo angolo in stile vecchia America in una città storica ma sempre al passo con i tempi.

Attività per il dopo cena

A differenza di altre città, a Bruges non c’è una così alta concentrazione di discoteche e locali notturni. Ci sono, per la verità, pochi club, molti dei quali esclusivi, dove l’accesso non è consentito a tutti. Quelli che ci sono, però, sono molto vicini l’uno all’altro e assolutamente caratteristici.

Ballare al ritmo di musiche mixate e di luci strombo non è, evidentemente, la priorità di chi vive a Bruges. Da queste parti, a differenza del resto d’Europa, si preferisce socializzare e fraternizzare.

Ascoltare buona musica, gustare piatti nuovi e, nel frattempo, coltivare passioni ed amicizie.

La maggior parte dei club si trova nella zona del centro storico, ma ce ne sono anche lungo la St. Jakobsstraat. Qui trovano spazio anche molti locali dove si può ascoltare musica dal vivo. Che è, tra l’altro, una delle attività preferite dagli studenti che vivono a Bruges e dal popolo belga.

Di studenti, a Bruges, ce ne sono a migliaia. Il College Europe è uno dei più prestigiosi del Paese. Il campus non ospita solo nuove leve di origine belga, ma studenti provenienti da ogni dove. Ragazzi che ogni dì animano il centro e la periferia della città con la loro carica d’entusiasmo e la voglia di divertirsi. Ragazzi che, con ogni probabilità, resteranno a vivere per sempre in questa città dove le lancette del tempo non si muovono più.

© Riproduzione riservata
Leggi anche