Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Notizie.it logo

Gand, il gioiello delle Fiandre

Gand, il gioiello delle Fiandre

Dal racconto del nostro soggiorno a Gand, informazioni e consigli utili per visitare le Fiandre, in Belgio. Il giorno dopo il nostro arrivo abbiamo deciso di svegliarci presto. Il sole splendente dell’alba ci ha sorpreso eccitati: volevamo vivere il più possibile di questo nostro secondo giorno.

Gand e i suoi canali

Dopo una prima giornata interamente dedicata al bellissimo centro storico medievale, il secondo giorno non è stato meno interessante. Abbiamo deciso di fare una bella gita in barca sui canali. È stata l’occasione per vedere l’imponente castello medievale e visitare numerosi musei. Dopo il tragitto in barca, proseguiamo a piedi attraverso le strade acciottolate. Ci godiamo l’atmosfera vivace, è una cosa che amiamo nelle località che visitiamo. Dopo un abbondante colazione presso il Best Western Chamade Hotel prendiamo la macchina fotografica e ci dedichiamo a visitare Gand, il gioiello delle Fiandre.

Citadel Park, il polmone verde della città

Molto vicino al nostro Hotel si trova il parco più importante della città. Deve il suo nome alla cittadella che sorgeva in questo luogo.

Con si suoi oltre 20 ettari di estensione, rappresenta il polmone verde di Gand. È ideale per passeggiare, fare sport o vedere alcuni dei musei che si trovano al suo interno. Il Museo delle belle arti e il Museo di arte contemporanea, lo SMAK. Con nostra grande sorpresa, ci ritroviamo in una specie di cimitero di lapidi con i nomi dei musei di tutto il mondo. Il messaggio arriva dritto e preciso: rischiamo di morire se trascuriamo la cultura.

Museo d’arte contemporanea SMAK

Quando visitiamo una nuova città , ci piace sempre dedicare del tempo al Museo di arte contemporanea. Non siamo esperti in materia, ma è piacevole il mix di sorpresa e di ignoranza che mi provoca quel tipo di opere. Nello SMAK già il nome è originale. Le installazioni sono state realizzate con legni riciclati . Il biglietto di ingresso è accessibile, tuttavia è meglio acquistare il pass musei. Con soli 20 euro, si possono visitare tutti i musei della città ed è valido per 3 giorni.

Permette persino l’uso gratuito di autobus urbani e tram.

Il Museo di belle arti o MSK

Uno dei più importanti musei di Gand è il Museum Voor Schone Kunsten, MSK. La sua collezione d’arte è davvero significativa. Qui troviamo opere di grandi artisti quali El Bosco, Rubens e Van Dyck e importanti opere d’arte del XVI e XVII secolo.

Ristoranti lungo i canali

Il famoso Queen si trova in un imponente edificio del XII secolo. Serve piatti squisiti della cucina internazionale e belga. Noi che abbiamo optato per uno dei piatti più convenienti del menù siamo rimasti soddisfatti. Abbiamo mangiato i migliori hamburger di sempre! La facciata del locale è immacolata e da qualche parte abbiamo letto che il suo interno è stato ristrutturato con un “gioco post moderno urban chic“. Sia dall’esterno che dall’interno è un posto davvero incredibile. Non ho mai visto un ristorante arredato con così tanto buon gusto. I prezzi non sono affatto economici, ma la cucina è molto buona.

Si possono gustare ostriche, frutti di mare e altre specialità locali. Gand è una destinazione ideale per i vegetariani. Non mancano infatti i locali specializzati e la maggior parte dei ristoranti offrono piatti di questo tipo.

Le traversate in barca

In una visita a Gand non può mancare una passeggiata lungo i canali. In città ci sono diversi pontili dov’è possibile noleggiarne. I più utilizzati si trovano su entrambi i lati della darsena vecchia medievale, Graslei e Korenlei. Le barche partono ogni 30 minuti circa e con un solo biglietto potrete fare una passeggiata di circa 40 minuti con guida in inglese. Ve lo consigliamo caldamente.

Gravesten, il Castello dei conti

Cavalieri medievali con fanciulle, saloni reali, oscure segrete ed esecuzioni. Tutto questo e molto altro è ciò che si può vedere a Gand. Il castello della città, il chiamato Gravesteen o Castello dei conti. Ci ha lasciato senza parole. È davvero ben organizzato e conservato. Si trova in una posizione superba.

Nel XIII secolo, i conti delle Fiandre erano persone molto importanti e avevano molti castelli in zona che usavano per visitare e controllare il loro territorio, riscuotere le imposte e amministrare la giustizia. Il Gravesteen fu costruito e decorato per mostrare alla gente il potere e la ricchezza di Filippo d’Alsazia. Al suo interno è presente persino il Museo della tortura con una ghigliottina, triste protagonista di quei tempi.

Museo del design

Il Museo merita la visita già solo per via dell’edificio che lo ospita e del suo cortile interno. L’antica collezione del Museo è composta da mobili del secolo XVII e XVIII ai quali si aggiunge una ricca collezione di Art Nouveau, art Déco e altre collezioni degli anni ’70 e ’80. Non mancano oggetti d’avanguardia da tutto il mondo. Abbiamo apprezzato molto vedere i disegni originali di mobili, alcuni curiosi elettrodomestici come stoviglie, posate, piatti o vasi. Un posto molto curioso che merita davvero di essere visitato.

Altri luoghi da visitare

Beaterios e Klein Begijnhof, piccoli villaggi con una chiesa.

In passato abitati da beghine, donne dedicate a Dio. Sono riconosciuti come patrimonio mondiale dell’umanità. Se volete comprare cioccolatini di qualità, in Walpoortstraat bisogna cercare la pasticceria Yuzu. Mentre se amate la musica classica, cercate di partecipare a uno dei tanti concerti di musica medievale in calendario presso la Cattedrale di Saint Bavón. Un concerto di musica classica o medievale in questa città è un’esperienza solo e che suggeriscono che fare.

Vita notturna a Gand

Abbiamo trovato il tempo di fare un’altra cosa indispensabile a Gand: godere la notte con la sua gente giovane, i locali e i bar illuminati. Vale la pena di percorre una qualsiasi pista ciclabile alla periferia della città. Merita sempre fare acquisti nella grande area pedonale e visitare i mercati per trovare vestiti alla moda, cioccolatini, antiquariato, articoli di seconda mano. Il quartiere Pathershol, il centro gastronomico della città, merita una visita a sé. Gand ci ha affascinati e ci ha lasciato una sensazione agrodolce solo per il poco tempo a disposizione: avremmo voluto avere più giorni per goderla di più. Spero che i nostri consigli servano a scoprire città vivace e meravigliosa, il gioiello delle Fiandre.

© Riproduzione riservata
Leggi anche