Castello Borromeo di Peschiera: storia e visita

Le origini, le curiosità e le informazioni per la visita al Castello Borromeo di Peschiera.

Milano è una città ricca di segni lasciati dalla storia, come il Castello Borromeo di Peschiera. Situata a pochi passi da Milano, l’antica cascina fortificata è un’edificio che racconta secoli di storia e che non smette di affascinare.

Castello Borromeo di Peschiera

La regione lombarda è costellata da antiche residenze storiche e monumenti che raccontano la storia delle più importanti famiglie del territorio. Molte di queste si concentrano nelle vicinanze del capoluogo regionale.

Simbolo di Peschiera Borromeo, il comune dell’area metropolitana di Milano, è la sua antica cascina. Circondato da un fossato, il castello si erge sin dal XV secolo.

Realizzata per volontà di Vitaliano I Borromeo, l’opera è stata restaurata più tardi nel tardo XVI secolo da Renato Borromeo, cugino del cardinale Federico.

Advertisements

Si tratta, perciò, del più antico possedimento lombardo dei Borromeo.

La famiglia Borromeo, originaria di San Miniato, in Toscana, era composta da ricchi banchieri che, nel XV secolo, iniziarono ad acquisire i primi possedimenti in Lombardia.

Infatti, proprio Vitaliano I era il banchiere del duca Filippo Maria Visconti, il quale gli concesse il diritto di fortificare il feudo di Peschiera. Così i Borromeo fortificarono una cascina preesistente, che assunse sempre di più l’aspetto di un castello.

Ancora oggi è uno dei pochi castelli circondati da un fossato pieno d’acqua, così com’era stato scavato oltre cinque secoli fa.

Castello Borromeo

Visita al castello

Oggi il castello è di proprietà privata, perciò non è aperto al pubblico.

Tuttavia, spesso vengono organizzate delle giornate di visite annunciate in largo anticipo sul sito ufficiale e sulla stampa locale. Ma non solo.

Il castello è spesso sede di eventi, ma è anche possibile concordare con la proprietà visite di gruppo di studiosi o per le scuole tra i mesi di aprile e settembre.

Le sue sale sono, inoltre, spesso il luogo di incontro per eventi, riunioni private, ma anche matrimoni. Infatti, il fascino del fossato e degli interni finemente decorati rendono gli eventi indimenticabili.

Per un momento di relax, nel giardino vengono allestiti aperitivi, mentre le sale interne si prestano a cene sedute mentre gli ospiti si godono la bellezza degli affreschi.

Il castello, inoltre, si presta anche come sede di prestigio per eventi particolari come presentazioni di libri, conferenze o mostre d’arte. A questi eventi spesso sono abbinati servizi bar, coffee break o pasti leggeri o vere e proprie cene a buffet.

La sala più grande, organizzata per una conferenza può ospitare fino ad un centinaio di persone davanti al tavolo del conferenziere.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ryanair: voli a 5 euro per il periodo di Natale

Mazara del Vallo: cosa vedere nei dintorni della città siciliana

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media