Mazara del Vallo: cosa vedere nei dintorni della città siciliana

Cosa vedere a Mazara del Vallo e nei dintorni nella provincia di Trapani, in Sicilia.

La città di Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, vanta uno splendido panorama sul mare e interessanti monumenti storici, ma vediamo cosa vedere nei dintorni. Una guida ai luoghi più interessanti da visitare nel centro e fuori dalle mura normanne.

Mazara del Vallo: cosa vedere nei dintorni

Il comune siciliano di Mazara del Vallo affacciato sul Mar Mediterraneo racconta la storia dei suoi domini, con il suo assetto islamico e le mura normanne. Una città storica, ricca di monumenti e di luoghi incantevoli.

A contenere la bellezza e la storia della città c’è il centro storico, racchiuso tra le sue mura normanne risalenti all’XI secolo.

Le strette vie del centro e l’atmosfera rilassata delle città di mare rendono Mazara del Vallo una delle destinazioni più interessanti della Sicilia occidentale.

Advertisements

Ma scopriamo quali sono i punti più interessanti da esplorare durante un viaggio nella provincia di Trapani.

Kasbah

La caratteristica che contraddistingue la città siciliana sono i suoi colori vivaci che accendono le stradine del centro. Infatti, la Kasbah è quell’insieme di viuzze che creano un labirinto nel cuore di Mazara del Vallo.

Passeggiare per le vie colorate della città catapulta il viaggiatore fino in Marocco, respirando l’atmosfera tipica di un paese arabo.

Le pareti delle case e i muri sono decorati con ceramiche e maioliche variopinte dando vita ad uno spettacolo incredibile.

Kasbah

Cattedrale del Santissimo Salvatore

Una tappa imperdibile è la Cattedrale del Santissimo Salvatore, il principale luogo di culto cattolico della città.

Una chiesa antica, edificata nel lontano 1086 e, successivamente, modificata nel 1689 per volere del vescovo Francesco Maria Graffeo.

Al suo interno sono custodite numerose opere d’arte e presenta il tipico stile barocco siciliano. Alcuni, infatti, la chiamano anche la chiesa più barocca della Sicilia.

A stupire i visitatori è l’affresco della cupola centrale raffigurante il Giudizio Universale.

Cattedrale del Santissimo Salvatore

Santissima Trinità di Delia

A pochi chilometri dalla città, a ovest di Castelvetrano, sorge la chiesa della Santissima Trinità, anche nota come la Cuba di Delia. La chiesa presenta l’architettura tipica normanna-bizantina e risale al XII secolo.

La chiesa si caratterizza all’esterno per tre absidi pronunciati che si sviluppano sul lato orientale collegandosi alle tre porte d’ingresso. Quelle laterali erano riservate agli uomini che, accedendovi, prendevano posto nelle navate laterali. Invece, la porta centrale era destinata alle donne che, nel pieno rispetto del rito greco, prendevano parte rimanendo in una porzione delimitata da transenne lignee.

La chiesa fu riscoperta e restaurata da Giuseppe Patricolo nel 1880 per conto della famiglia Caime Saporito. La chiesa, ancora oggi di proprietà della famiglia, contiene le sepolture di diversi membri della casata castelvetranese.

Santissima Trinità di Delia

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Castello Borromeo di Peschiera: storia e visita

Hawaii: gli squali bianchi più grandi del mondo

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media