Conversano, Bari: cosa vedere nel borgo

Tutte le informazioni per conoscere Conversano e sapere cosa vedere nel bellissimo borgo in provincia di Bari.

Durante una vacanza in Puglia, è possibile visitare borghi splendidi, ricchi di mete imperdibili. Una delle cittadine più belle da vedere è quella di Conversano, in provincia di Bari.

Conversano, Bari: cosa vedere

La Puglia è una terra piena di sorprendenti attrattive da visitare.

I suoi paesaggi e le località che si trovano all’interno del suo territorio permettono di godersi a pieno la bellezza della regione. Nel contesto di un viaggio nella provincia di Bari, è molto interessante fare un tour per visitare i paesini più caratteristici della zona. Uno dei posti più belli in cui recarsi per godersi una splendida giornata all’insegna del relax e della cultura è il borgo di Conversano. Si tratta di una cittadina che custodisce edifici storici e monumenti dal grande valore artistico.

Advertisements

Prima di organizzare il prossimo viaggio nella meravigliosa terra pugliese, è interessante sapere quali sono le mete principali da visitare all’interno del bellissimo paesino di Conversano.

276208614

Il Castello di Conversano

Una delle principali attrattive che rende famoso il borgo di Conversano è il suo magnifico castello. Si tratta di un imponente edificio, che sorge all’interno della piazza principale del paese. La costruzione della fortezza si deve all’opera dei Normanni, mentre l’aspetto attuale della struttura è il frutto di numerosi restauri e riadattamenti. Il torrione principale risale al XIV secolo ed è di un’armonica forma circolare. Il cortile del castello e il suo splendido loggiato conferiscono all’edificio un’atmosfera suggestiva e lo rendono meraviglioso da visitare.

All’interno della fortezza, attualmente si trova anche la pinacoteca comunale, che costituisce una meta imperdibile durante un viaggio a Conversano.

La Cattedrale di Santa Maria Assunta

La splendida Cattedrale di Conversano risale a un’epoca che va dall’XI al XII secolo. L’edificio è un perfetto esempio dello stile architettonico romanico pugliese, con alcuni particolari che si richiamano all’arte bizantina. Il rosone centrale che si può notare sulla facciata conferisce solennità alla struttura, che presenta un tetto spiovente a capanna.

All’interno della Cattedrale si trovano meravigliosi capolavori artistici dall’immenso valore. Una delle opere più belle da vedere è un‘icona che ritrae la Madonna della Fonte, che è la patrona del borgo di Conversano.

Il Monastero di San Benedetto

Il magnfico Monastero di San Benedetto si trova poco distante dalla Cattedrale di Santa Maria Assunta. Si tratta di un luogo sacro che anticamente era gestito da un ordine di monache cistercensi. All’interno della struttura è possibile ammirare i resti del chiostro romanico e una suggestiva cripta, che custodisce un trono sul quale si sedevano le Badesse del Monastero. Inoltre, è molto interessante vedere il magnifico affresco che ritrae la Pietà con uno sfondo che raffigura il borgo di Conversano nel modo in cui appariva alla fine del XVI secolo.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Canal d’Amour, Corfù: la leggenda e le curiosità

Escursione Lago di Orta: cosa vedere

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media