Notizie.it logo

Cosa fare il primo dell’anno a Bologna: le nostre idee

Cosa fare il primo dell'anno a Bologna

Accogliamo con gioia Gennaio, scopriamo cosa fare il primo dell'anno a Bologna.

Le proposte bolognesi per il primo giorno dell’anno son talmente svariate da riuscire ad accontentare le preferenze e i gusti di tutti. Scopri più nel dettaglio cosa fare il primo dell’anno a Bologna.

Cosa fare il primo dell’anno a Bologna

Coloro che prediligono trascorrere il Capodanno all’esterno, potranno propendere per i festeggiamenti che si svolgeranno nella stupenda Piazza Maggiore con il “Rogo del Vecchione” e allietati da tante melodie.

Chi al contrario desidera passare un Capodanno differente, avrà la possibilità di scegliere in un vasto ventaglio di occasioni speciali organizzate appunto per questa ricorrenza.
Difatti si può optare per un allettante concerto dal vivo attuato in un locale oppure per un affascinante spettacolo teatrale. Se si ama il ballo allora sicuramente si preferirà andare in una delle tante discoteche che organizzano eventi.

Per coloro che hanno dei bimbi ci sono tanti avvenimenti creati appositamente per loro e per farli divertire.
Oppure si può decidere di passarlo in uno dei tanti ristoranti che programmano dei cenoni particolarmente invitanti e gustosi.

Cosa fare il primo dell’anno a Bologna.

Cosa fare il primo dell’anno a Bologna all’aperto

Quando si parla di Capodanno in questa meravigliosa città non si può non citare il Rogo del Vecchione che rappresenta la reale e primaria usanza di questa zona.
Tra l’altro si tratta di una consuetudine decisamente suggestiva per via del falò che raffigura gli ultimi momenti dell’anno appena terminato. Il “vecchione” è costituito da un grande pupazzo composto da paglia e stracci con all’interno i botti.

Negli ultimi anni la mansione di creare il “Vecchione” è stata data a degli artisti del posto che devono di volta in volta individuare l’argomento per raccontare l’anno appena trascorso.
Pure per l’attuazione concreta ci sono delle istruzioni accurate:per quanto concerne l’altezza non deve essere al di sotto dei 12 metri e il manichino dovrà essere preparato con degli elementi ecologici come ad esempio il “legno,la carta e le stoffe naturali”.

Per quest’anno è stato progettato il Vecchione Partecipato,ovvero saranno più persone a occuparsene come nuclei familiari,bimbi e abitanti che parteciperanno in maniera concreta portando pure dalle proprie dimore del materiale da riutilizzare.

Il “Rogo del Vecchione” è la parte saliente del Capodanno svolto in Piazza Maggiore e puntualmente ogni anno ci sono moltissime persone che decidono di trascorrere il “Capodanno” lì all’aperto e senza dei piani precisi.

Il settore “musicale” della serata sarà contraddistinto da un grande veglione rallegrato dai balli,con tanta buona musica di svariato tipo scelta apposta per quest’evento da un insieme di esperti dj della città.

rogo del vecchione

Come chiusura ci sarà un bellissimo e coinvolgente valzer associato a delle “danze” più tipiche e provenienti da diversi luoghi del mondo fino a giungere in Piazza Maggiore.
Sia per i cittadini che per i vacanzieri durante le festività natalizie c’è un punto obbligatorio che bisogna vedere nella città di Bologna.

Si tratta della “Via D’Azeglio” che per l’occasione ospita delle meravigliose illuminazioni prettamente festive attuate in onore del grandissimo Lucio Dalla.
Questa precisa via è stata scelta proprio perchè lì il famosissimo “cantante” ha vissuto per un lasso di tempo molto lungo.
Queste bellissime “luminarie” create da un “artigiano napoletano” che si chiama “Antonio Spezia” raffigurano le parole citate nella celebre canzone di Dalla intitolata “L’anno che verrà”.Quindi rappresentano un buon augurio per l’anno appena iniziato come pure una maniera particolare per rammentare uno dei più noti “bolognesi”.

concerto capodanno bologna

Cosa fare il primo dell’anno a Bologna nei locali

Poi ci sono anche i preparativi attuati nei diversi ristoranti e che sono talmente variegati da riuscire a soddisfare i gradimenti di tutti quegli individui che decideranno di passare il “Capodanno” in questo modo.

Le persone che desiderano ballare potranno propendere per i programmi più movimentati organizzati da alcuni locali.
Mentre chi preferirà passare delle ore piacevolmente calme,potrà orientare il proprio interesse verso uno di quei “locali” che permettono di ascoltare della musica dal vivo.

Infine per tutti coloro che amano il teatro e considerando che a Bologna ce ne sono tanti,le occasioni non mancheranno neanche in questo settore e per quelle persone che vogliono passare un “Capodanno” basato sulla “cultura”.Al termine dell’evento teatrale ci sarà il “brindisi” finale incluso nella “cifra” inerente la partecipazione.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche