La Moschea di Cordova: origini, curiosità e cultura

La Mezquita-Catedral di Cordova è uno dei due grandi simboli del passato moresco della Spagna.

Il sito ora occupato dalla grande Moschea-Cattedrale di Cordova, o Mezquita-Catedral in spagnolo, è stato continuamente scambiato tra cristiani e musulmani per secoli. I visigoti cristiani dell’Iberia costruirono qui la chiesa di San Vicente prima dell’arrivo dei mori, i cui resti sono visibili sotto la moschea e risalgono al sesto secolo.

Quando i Mori iniziarono la loro invasione della Spagna nel 711CE, Cordova fu tra le prime città che conquistarono e, secondo alcuni resoconti, divisero la chiesa di San Vicente a metà, designandola come luogo di culto sia per i cristiani che per i musulmani.

La Moschea di Cordova: origini

Nel 784CE, la popolazione musulmana di Cordoba era cresciuta e la moschea originale non era più abbastanza grande. Il principe omayyade Abd al-Rahman I era arrivato qui dalla Siria dopo che la sua famiglia era stata assassinata in una lotta di potere politico.

Dopo aver sconfitto il governatore di al-Andalus, prese il controllo della regione e ordinò di abbattere l’edificio per far posto a una nuova Mezquita, molto più grande. Una volta stabilitosi a Cordova, creò un’intera industria dedicata alla sua costruzione, impiegando migliaia di artigiani e costruttori per lavorare al progetto.

Nei due secoli successivi, la struttura originale subì importanti aggiunte ed estensioni. La più significativa di queste fu l’espansione verso sud della sala di preghiera.

Questo lavoro, eseguito sotto Abd al-Rahman II, aderì all’audace design a doppio arco dell’originale. L’aggiunta di un minareto ornato (convertito in un campanile rinascimentale dopo la Reconquista) fu completato dal suo successore, Abd al-Rahman III, e un’altra estensione della sala di preghiera e aggiunte al mihrab da al-Hakam II. Quando l’edificio fu finalmente completato nel 987CE, più di 200 anni dopo la posa della prima pietra, era la seconda moschea più importante del mondo dopo la Mecca. Inoltre, è assolutamente tra le migliori cose da vedere a Cordova.

Moschea di Cordova storia

La Moschea di Cordova: curiosità

La caratteristica più notevole della Mezquita è la sua vasta sala di preghiera. Il soffitto è sostenuto da 856 colonne di diaspro, onice, marmo, granito e porfido. Le colonne poggiano su archi doppi, e il riconoscibile disegno a strisce bianche e rosse è stato modellato su quelli della Cupola della Roccia a Gerusalemme.

Quando il re Ferdinando III sconfisse i Mori a Cordova nel 1236CE, la moschea fu convertita in un luogo di culto cattolico. Tuttavia, la proposta di riforma più radicale arrivò all’inizio del XVI secolo. I vescovi della cattedrale suggerirono di demolire la moschea medievale e di costruire al suo posto una cattedrale nuova di zecca.

Leggi anche:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Una guida al Texas per i viaggiatori avventurosi

Come trascorrere due giorni a Torino, Italia

Leggi anche
  • Weekend romantico a Cesky Krumiov in Repubblica CecaWeekend romantico a Cesky Krumlov in Repubblica Ceca
  • Weekend a Palermo la migliore guida turisticaWeekend a Palermo: la migliore guida turistica

    Da Piazza Pretoria sino al Duomo di Monreale, Palermo offre tantissimo da vedere in un weekend.

  • Loading...
  • castello estenseVisitare Castello estense Ferrara con bambini
  • castello gropparelloVisitare Castello di Gropparello con bambini
  • Basilica di Santa Maria Novella di FirenzeVisita e informazioni sulla Basilica di Santa Maria Novella di Firenze

    Tutte le informazioni sulla famosa Basilica di Santa Maria Novella di Firenze, quando visitarla e cosa vedere.

Contents.media