Le location del comico film “Benvenuti al Sud”

La location principale del film "Benvenuti al Sud" è il paesino di Castellabate, fatto di pietra e scorci mozzafiato sul mare cristallino del Cilento.

Un film che mette in risalto, comicamente e ironicamente, le differenze culturali che ci sono tra Nord e Sud Italia.

Claudio Bisio, nei panni di Alberto, è direttore dell’ufficio poste del paese brianzolo dove abita: la personalità del personaggio è quella del tipico brianzolo, con la puzza sotto al naso e dedita al lavoro.

Il suo obiettivo è quello di ricevere una promozione che gli permetta di trasferirsi nella città del business, Milano!

Per ottenere il posto però Alberto tenderà un inganno (molto divertente) al suo capo, che finirà col punirlo: il trasferimento avverrà, ma di certo non dove sperato. Alberto viene “spedito” a Castellabate, nel bel Cilento, al Sud, ovvero l’incubo del brianzolo.

Qui infatti, secondo detti comuni, la gente non lavora, è invadente e ignorante.

Ben presto Alberto si ricrederà, scoprendo una realtà rilassata e conviviale, ma fatta di valori e bellezze naturali mai viste prima.

Le location del film “Benvenuti al Sud”

Come detto, la location principale di tutto il film è il paesino di Castellabate, fatto di pietra e scorci mozzafiato sul mare cristallino del Cilento.

Castellabate

Castellabate è un antico borgo medievale della provincia di Salerno, caratterizzato da un fascino antico.

La zona è quella compresa tra il meraviglioso Parco del Cilento e il Vallo del Diano, a circa 300 metri sul livello del mare.

Verrete accolti subito dalla scritta in marmo del 1811, che appare anche nel film, dedicata a Gioacchino Murat, che a Castellabate disse: “QUI NON SI MUORE” riferendosi alla purezza della sua aria.

Il simbolo del paese è certamente il Castello dell’Abate, da cui prende appunto il nome. Il Castello venne fondato nel 1123, con lo scopo di difendersi dai saraceni, per volere dell’abate Costabile Gentilcore, che oggi è il patrono di Castellabate e viene festeggiato tutti gli anni il 17 febbraio.

Se siete in visita in questo tipico borgo, dovete assolutamente godere della vista del Belvedere di San Costabile, dove si possono ammirare i tetti rossi di Santa Maria di Castellabate e del piccolo borgo di San Marco, entrambe frazioni di Castellabate, con le spiagge del Pozzillo e di Santa Maria.

Scritto da Federica Maldari
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le location di “La Storia”, dal romanzo di Elsa Morante

Dove è stato girato “Il Labirinto del silenzio”: la location

Leggi anche
Contentsads.com