I più suggestivi vulcani del Messico

I vulcani del Messico non solo sono imponenti e suggestivi, nascondono curiosità interessanti.

Oltre a vantare un sacco di belle spiagge e rovine Maya impressionanti, il Messico è anche sede di diverse montagne maestose e picchi vulcanici. Questo perché la nazione nordamericana si trova sulla cintura vulcanica trans-messicana, nota a molti come Sierra Nevada.

Sede di alcune delle vette più alte delle Americhe, i vulcani del Messico sono incastonati in uno scenario spettacolare e permettono di fare favolose escursioni e alpinismo.

Messico: vulcani

Gran parte delle regioni settentrionali e centrali del paese sono punteggiate da possenti montagne, caldere fumanti e stratovulcani innevati.

Popocatepetl

Nella mitologia azteca, sia Popocatépetl (un feroce guerriero) che Iztaccíhuatl (la sua amante) furono trasformati in montagne e coperti di neve in seguito a una storia tragica che ricorda molto Romeo e Giulietta.

Mentre la “donna bianca” giace pacificamente in riposo, tuttavia, Popocatépetl – o la “Montagna Fumante” – si infuria per la sua perdita, eruttando regolarmente e sparando rocce e cenere in aria.

In contrasto con il vicino Iztaccíhuatl, Popocatépetl ha una forma conica, con neve bianca brillante che ricopre i suoi regni più alti. Ora una popolare attrazione turistica, il vulcano attivo si trova a 5.426 metri, il che lo rende il secondo picco più alto del Messico.

Iztaccihuatl

Significato di ‘donna bianca‘ in Nahuatl, Iztaccíhuatl è così chiamato perché le sue quattro cime innevate ricordano una donna addormentata. Situata all’interno del Parco Nazionale Izta-Popo Zoquipan, l’imponente montagna ospita praterie e foreste alpine, con un sacco di fauna e flora diverse in mostra. Raggiungendo i 5.230 metri di altezza, le sue regioni superiori lasciano il posto a neve e ghiacciai, che possono essere visti fino a Città del Messico.

Molto popolare tra gli escursionisti e gli alpinisti, il vulcano dormiente ha un sacco di sentieri e percorsi diversi che non sono difficili da percorrere, anche se la sua alta quota può a volte rappresentare un problema. A sud, Iztaccíhuatl è collegato al Popocatépetl – un’altra delle imponenti cime del Messico – dal passo di montagna ad alta quota di Paso de Cortes.

Pico de Orizaba

Con i suoi 5.636 metri, il Pico de Orizaba è la terza cima più alta del Nord America dopo il Denali negli Stati Uniti e il Monte Logan in Canada. Dominando i suoi dintorni, il suo picco innevato si staglia contro il cielo; le lingue locali si riferiscono ad esso come ‘White Mountain’ o ‘Star Mountain’. Grazie alla sua altezza, il vulcano vanta una serie di ecosistemi diversi, con le colline e le foreste che lasciano il posto alla tundra innevata e ai ghiacciai più in alto. Essendo la montagna più alta del Messico, il Pico de Orizaba è molto popolare tra gli alpinisti, anche se navigare sul suo terreno aspro e difficile è certamente una sfida.

Volcan de Colima

Uno dei vulcani più violenti e volatili del Messico, il Volcan de Colima ha eruttato oltre 40 volte dal 1576, con l’ultimo evento nel 2015. Come tale, è giustamente conosciuto come il ‘Vulcano di Fuoco‘ a causa delle frequenti colate di lava e delle colonne di fumo e cenere che possono essere viste sgorgare dalla sua cima di 3.820 metri.

A causa di tutto ciò, è proibito fare escursioni o scalare il vulcano fumante. I visitatori di solito si dirigono invece verso la cima del vicino Nevado de Colima, anch’esso un vulcano inattivo. Da qui si gode di una vista stupefacente sullo stratovulcano. Guardare il fumo dissiparsi sopra i suoi pendii brulli è un’esperienza incredibile.

Paricutin

Dopo aver iniziato come una piccola fessura, il Paricutin è cresciuto rapidamente. Nel giro di un anno aveva raggiunto i 336 metri di altezza. Nel corso di otto anni, ha continuato a eruttare e ha ricoperto il circostante campo vulcanico di Michoacán-Guanajuato di cenere e lava, raggiungendo alla fine i 424 metri in totale.

Con la stessa drammaticità con cui era iniziato, il vulcano si abbassò; finalmente smise di eruttare nel 1952, solo dopo aver distrutto due città e averne colpite pesantemente altre tre. Ora, Paricutin e il campo vulcanico sono una popolare destinazione turistica. Molte persone vengono a scalare il suo cratere e a vedere tutta la distruzione che ha causato all’ambiente circostante.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa vedere a Oaxaca, in Messico: i nostri consigli

I parchi nazionali del Messico da esplorare

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media