Monte Catria: sentieri facili per una gita in famiglia

I sentieri facili più belli da intraprendere sul Monte Catria, sull'Appennino umbro-marchigiano.

Il Monte Catria, nell’Appennino umbro-marchigiano, è il luogo ideale per fare escursioni seguendo sentieri facili e adatti a tutti. Tanti sentieri trekking perfetti per trascorrere una piacevole giornata nella natura.

Monte Catria: sentieri facili

Il Monte Catria è una vetta che si innalza nell’Appennino umbro-marchigiano, che raggiunge i 1701 metri sopra il livello del mare.

L’Appennino si estende lungo il confine tra le due regioni, tra le province di Pesaro e Urbino da una parte e di Perugia dall’altra.

Questo monte è il principale dei tre massicci della zona, ed è percorribile grazie ai numerosi sentieri segnalati dal Club Alpino Italiano.

I sentieri sono di diversi gradi di difficoltà, e i più semplici sono adatti a tutti, ideali quindi per famiglie con bambini e principianti del trekking.

Advertisements

Vediamo, quindi, quali sono i più bei percorsi da intraprendere per vivere una giornata a contatto con la natura sul Monte Catria.

Monte Catria

Rifugio Le Gorghe-Infilatoio

Uno dei percorsi più semplici da intraprendere è il numero 64, Rifugio Le Gorghe-Infilatoio.

Il percorso è lungo meno di due chilometri e presenta un dislivello di appena 120 metri.

Il sentiero ora è segnalato con il numero 260 e offre punti panoramici mozzafiato. Il tracciato parte dal rifugio Le Gorghe, e si addentra tra i boschi verso destra e presentando subito la sua parte più dura, una salita non lunghissima, ma di un certo rilievo. Il sentiero attraversa l’interno di un bel bosco che conduce, dopo aver incrociato ed oltrepassato la pista da sci, all’ampio prato delle Cotaline, ai piedi del versante est del Monte Acuto.

Casa Mochi-Rifugio

Altro percorso semplice e turistico è quello che da Casa Mochi raggiunge il Rifugio Le Gorghe. Il sentiero è il numero 65, segnalato con il numero 260.

Il percorso è lungo 2,6 chilometri e presenta un dislivello di 200 metri. La passeggiata richiede meno di due ore per fare andata e ritorno.

Il tracciato si inoltra interamente all’interno di un bosco di faggio, che procede parallelamente alla strada provinciale, che in alcuni tratti si riesce ad intravedere attraverso gli alberi.

Il sentiero parte dalla Casetta Monchi, seguendo la via verso nord-est. Alla fine del percorso si raggiunge il Rifugio Le Gorghe da cui si può prendere il sentiero 64.

Sentiero Italia

Il sentiero numero 63 fa parte del Sentiero Italia ed è adatto a tutti. Infatti, con una lunghezza di appena 2,8 chilometri, presenta un dislivello di 150 metri. Il percorso è segnalato con il numero 200 e parte dalla Casetta Mochi.

Al termine della passeggiata, il sentiero conduce al rifugio Capanna dei Porci, immerso nella natura.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Piazza Duomo di Parma: il tour virtuale

Fiume del Drago, Portogallo: perché si chiama così

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media