Parco Nazionale Torres del Paine: escursionismo e paesaggi

Parco Nazionale Torres del Paine, la guida all'escursionismo e alle bellezze da scoprire nell'area protetta nel Cile.

Il Parco Nazionale Torres del Paine è un’area naturale del Cile ideale per praticare escursionismo. Infatti, le meraviglie naturali dell’area invitano ad una totale immersione nell’ambiente. Scopriamo, quindi, tutti i dettagli sull’area naturale protetta e sui percorsi escursionistici da intraprendere.

Parco Nazionale Torres del Paine: escursionismo

Il parco nazionale Torres del Paine è una delle più affascinanti e spettacolari aree protette del Cile.

Si tratta di uno dei parchi più grandi del Paese, nonché uno dei più importanti. Inoltre, è il terzo per numero di visite, delle quali circa il 75% corrisponde a turisti stranieri, specialmente europei.

La sua bellezza è riconosciuta a livello interazionale, tanto che l’UNESCO che lo dichiarò riserva della biosfera nel 1978 e nel 1994 lo inserì, insieme al Parco nazionale Bernardo O’Higgins, tra le candidature alla lista dei patrimoni dell’umanità.

Advertisements

Il parco è situato a 112 chilometri a nord di Puerto Natales e a 312 dalla città di Punta Arenas, ed è una delle undici aree protette esistenti nella regione di Magellano e dell’Antartide Cilena.

Presenta una grande varietà di paesaggi naturali, che vanno dalle maestose montagne del massiccio del Paine ai laghi, dai ghiacciai ai corsi dei fiumi.

Per scoprire le meraviglie del parco, si possono percorrere i sentieri escursionistici che si inoltrano nel cuore dell’area naturale.

Torres del Paine

Il percorso “W”

Il percorso è noto in tutto il mondo come circolo della W, ed è il più famoso del parco. Questo perché attraversa le tre sezioni principali del Torres del Paine, la base delle Torri, la valle del Francés (Cuernos del Paine e Paine Grande) e la valle del Ghiacciaio Grey.

Si tratta, tuttavia, di un percorso impegnativo di oltre 70 chilometri. Infatti, richiede circa 4-5 giorni di cammino per percorrerlo interamente.

Per intraprenderlo è consigliata una buona preparazione fisica poiché si può camminare per oltre 20 chilometri al giorno.

Si parte dalla Guarderia Laguna Amarga, il centro dell’amministrazione del Parco, e si attraversa la Valle del Río Ascencio. Da qui si passa per un bosco di faggi australi, fino a giungere al belvedere Mirador Base Las Torres a 700 metri di quota.

Da questo punto si possono ammirare in tutto il loro splendore le tre Torri e i monti Almirante Nieto e Nido de Cóndores.

Continuando, nel secondo tratto si accarezzano, prima il lago Nordenskjöld e poi il lago Skottberg, fino ad arrivare alla Valle Francés. Infine, l’ultimo tratto porta verso la Valle del lago e al ghiacciaio Grey.

Ricordiamo, tuttavia, che bisogna prenotarsi per tempo nei rifugi disseminati nel parco.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Posti non turistici in Italia: perle sconosciute

Viaggio in India: curry e masala, marmo e oro

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media