La storia del Ponte dei Sospiri di Venezia: curiosità e leggende

La storia e le curiosità del Ponte dei Sospiri, uno dei simboli più famosi della città lagunare di Venezia.

Il Ponte dei Sospiri di Venezia è uno dei ponti più famosi e importanti della città lagunare, che racconta la storia della città. Una storia mista a leggende popolari e curiosità, che in pochi conoscono.

Ponte dei Sospiri di Venezia: storia

Venezia è famosa per la bellezza dei suoi ponti che attraversano i canali della laguna, ma tra i più celebri c’è sicuramente il Ponte dei Sospiri. Forse per il nome, così misterioso, o per la bellezza della sua struttura, il magnifico ponte è uno dei più suggestivi e apprezzati di Venezia.

Il ponte è situato a poca distanza da piazza San Marco e scavalca il rio di Palazzo collegando, con un doppio passaggio, il Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove.

Il ponte dei Sospiri è costruito in pietra d’Istria, in stile barocco, e fu realizzato agli inizi del XVII secolo su progetto dell’architetto Antonio Contin. L’architetto era figlio di Bernardino Contin e nipote di Antonio Da Ponte. Quest’ultimo è stato il costruttore del ponte di Rialto, per ordine del doge Marino Grimani, il cui stemma vi è scolpito.

cosa vedere a Venezia

Il nome

L’origine del suo nome è collegato alla funzione svolta dal ponte. Infatti, in passato serviva da passaggio per i reclusi dalle suddette prigioni agli uffici degli Inquisitori di Stato per essere giudicati.

L’appellativo di “Ponte dei Sospiri” è attestato già alla fine del Settecento, attribuito perché la tradizione vuole che, ai tempi della Serenissima, i prigionieri, attraversandolo, sospirassero davanti alla prospettiva di vedere per l’ultima volta il mondo esterno.

sospiri

Curiosità

Conosciuto in tutto il mondo, il ponte dei Sospiri è fotografato dai turisti provenienti da ogni dove. Tuttavia, vi sono solamente due posti dai quali è osservabile, cioè dal ponte della Canonica e dal ponte della Paglia.

Se pur considerato uno dei luoghi più romantici di Venezia, l’antico ponte racconta una storia ben più triste. Infatti, secondo la tradizione popolare, a dare al ponte il nome con cui è universalmente conosciuto fu il poeta inglese Lord Byron. Infatti, il poeta soggiorno proprio a Venezia per alcuni anni trovando rifugio dai debiti e dagli scandali che lo avevano costretto a scappare dalla madrepatria.

Proprio attraverso le finestre del ponte, i condannati avrebbero visto per l’ultima volta il cielo prima di essere rinchiusi in carcere, da cui probabilmente non sarebbero più usciti. I sospiri alla fugace vista del panorama, insomma, sarebbero stati il loro ultimo anelito di libertà ormai perduta, una sorta di rassegnato ed estremo appagamento misto a rimpianto.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Isola Madre: cosa vedere nell’arcipelago delle Borromee

Parco del Valentino di Lecco: i luoghi da esplorare

Leggi anche
  • Winelands, Sud AfricaWinelands, Sud Africa
  • Werribee Open Range Zoo, Australia, prezzi e orariWerribee Open Range Zoo, Australia, prezzi e orari
  • Weekend San Valentino a EdimburgoWeekend San Valentino a Edimburgo
  • Weekend San Valentino a DublinoWeekend San Valentino a Dublino
  • 
    Loading...
  • Weekend San Valentino a DresdaWeekend San Valentino a Dresda
Entire Digital Publishing - Learn to read again.