Parco del Valentino di Lecco: i luoghi da esplorare

I posti più belli da visitare nel parco del Valentino in località di Pian dei Resinelli, in provincia di Lecco, tra panorami e natura incontaminata.

Il parco del Valentino di Pian dei Resinelli, in provincia di Lecco, è un gioiello naturale ideale per praticare sport e ammirare la bellezza e i panorami della natura incontaminata. Vediamo, quindi, quali sono le attività e i luoghi da non perdere in questa splendida area verde in Lombardia.

Parco del Valentino di Lecco

Il Parco del Valentino si trova in località Pian dei Resinelli, a oltre 1200 metri sul livello del mare. L’area verde si sviluppa su una superficie complessiva di più di 100 ettari di natura incontaminata.

All’interno del parco è possibile praticare diverse attività, tra qui percorrere facili sentieri tra gli splendidi boschi per passeggiate adatte a tutta la famiglia. In più, i visitatori potranno apprezzare le straordinarie viste panoramiche della Grignetta e del Lago di Como verso nord nei pressi della casa museo, il gruppo dei Corni di Canzo e il Monte Barro dal terrazzo del Belvedere, il Monte Due Mani, il Resegone e le Orobie dall’ingresso del parco.

Advertisements

All’interno del parco sono presenti alcuni fabbricati tra i quali uno più importante l’ex villa padronale, ora trasformato in un museo.

Inoltre, proprio da Pian dei Resinelli partono alcune facili passeggiate, con itinerari semplici e rilassanti adatti a tutti i livelli di esperienza.

Belvedere lecco

Escursioni

Uno dei sentieri più suggestivi che regala il parco del Valentino è quello che raggiunge il famoso Belvedere, meta particolarmente apprezzata dai visitatori. I Piani Resinelli sono comodamente raggiungibili in auto. Il parcheggio più vicino al sentiero è quello nei pressi del grattacielo e del camping, che si raggiunge compiendo l’anello stradale a senso unico. I parcheggi sono gratuiti e si trova sempre posto per lasciare la macchina.

Il sentiero parte dalla via degli Escursionisti, alla destra del Parco Avventura, di fianco al pratone, dove la gente si ferma per fare pic-nic.

Il sentiero è largo e comodo, in leggera salita e conduce all’ingresso del Parco Valentino.

Dopo circa una decina di minuti si raggiunge la Casa Museo Villa Gerosa, dove è possibile scoprire la natura e la storia del gruppo delle Grigne. Il museo, tuttavia, è aperto solo da maggio ad ottobre e non tutti i giorni. Il sentiero, poi, prosegue addentrandosi nel bosco di frassini e faggi, proseguendo fino a raggiungere un bivio.

Qui si può scegliere se proseguire a sinistra verso il sentiero che poi porta al monte Coltignone ed è in leggera salita, oppure svoltare a destra e percorrere il sentiero pianeggiante.

Da sinistra si raggiunge il meraviglioso Belvedere che spazia dalla Brianza alle Alpi, e frontale a voi i laghi Briantei.

La durata del percorso è di circa un’ora e si raggiunge un’altitudine di 1300 metri, con un dislivello di 171 metri.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La storia del Ponte dei Sospiri di Venezia: curiosità e leggende

L’incantevole Giardino Inglese della Germania: la visita

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media